Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto

Rifiuto Visto Turistico


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
46 risposte a questa discussione

#41 Domenico

Domenico

    Advanced Member


  • 7179 messaggi
  • Iscritto il: 01-agosto 05

Inviato 26 agosto 2009 - 13:08

Allora vediamo cosa dice questa sentenza (c'è n'è anche un altra sui rapporti affettivi che se vuoi pubblico)!!!


Amedeo, sai meglio di me che quelle sentenze lasciano il tempo che trovano... sono si un precendete, ma per vederle applicate tocca RICORRERE AL TAR e spendere una barca di soldi!

A Chisinau, dalla risposta pubblicata da Capitano, non serve far ricorso in tribunale. Come puoi leggere anche tu, è il consolato stesso che rivaluta la pratica.

L'istituzione"chiesa Cattolica" (perchè tale è) e l'istituzione Consolato sonoforaggiati entrambi da soldi pubblici e per tale qualità qualunqueitaliano è più che legittimato a valutarne l'operato.


Sempre che vi sia una spesa fatta con soldi pubblici...

Nonsono abituato a foderarmi gli occhi di fronte a notizie "scomode". Seci sono e riguardano direttamente o indirettamente la Moldova è il casodi segnalarne almeno l'esistenza. Ognuno poi provvede a farsi la suaidea.


Non ti ho chiesto di foderarti gli occhi, ma di non lamentarti qui su risposte (o non risposte) ricevuto altrove :)

Riporto a titolo informativo alcune delle interrogazioni parlamentari e relative risposte.


Tutta roba vecchia di cui abbiamo discusso mesi fa e alle quali è stato posto rimedio... sembra quasi che ti sia sfuggito un punto delle modalità di contatto con il consolato... te lo riporto qui

- Servizio informazioni attraverso posta elettronica (servizio gratuito)

Gli utenti possono contattare l'indirizzo di posta elettronica italiaprenota@email.it ,richiedendo ed ottenendo in breve tempo una data precisa per ildeposito degli atti che saranno, nei giorni successivi, sottoposti avalutazione con risposta sull'esito della richiesta nei tempi previsti.


Cmq a prescindere vuoi una proposta COSTRUTTIVA?
1) Istituire un conto corrente presso la Eximbank a Chisinau a nome del Call Center! O presso analoga banca italiana.
2)Chi presenta una richiesta di visto deve effettuare un versamente di3-5 euro su quel conto (tanto e' quella la somma MASSIMA che inpercentuale viene destinata al Call Center attraverso i numeri apagamento)
3) inviare via mail copia dell'avvenuto pagamento al Call Center insieme al resto della documentazione
4)il call center risponde via mail o al massimo al telefono fissandol'appuntamento (tanto credo che i 5 euro possano coprireabbondantemente il costo di una telefonata ad un cellulare moldavo ecmq l'email e' gratis!)


Bene! La proposta è sicuramente interessante (molto simile a quella di Beppe, ma senza PIN)... allora facciamo una cosa... apriamo un sondaggio qui nel forum e vediamo in quanti approvano l'idea. Se arriviamo almeno a 50 opinioni positive avviamo una raccolta firma online e facciamo pervenire la proposta all'Ambasciata. Può andar bene?

#42 Capitano69

Capitano69

    Member


  • 93 messaggi
  • Iscritto il: 18-novembre 08

Inviato 26 agosto 2009 - 14:51

@ Domenico,

avevo letto anche di questa possibilita'; pero' quando ho chiamato diretttamente il numero fisso dell'ambasciata per avere conferma della ricezione documenti, mi hanno detto che tutto era stato ricevuto correttamente questa volta, ma la signorina mi ha detto che per fissare l'appuntamento dovevo necessariamente richiamare tramite 899 perche' solo cosi' aveva accesso al terminale per fissare gli appuntamenti (?!?!?!). Quindi almeno un passaggio obbligato attraverso il call center ci sta!

Non ho modo di provartelo, in quanto non e' che mi passa per il cervello di registare tutte le telefonate che faccio, pero' ti posso assicurare che e' quello che mi ha detto...

In conclusione, anche secondo te Domenico, NON e' necessario chiamare il Call Center per fissare l'appuntamento? Cioe', sempre secondo quanto affermato dalle risposte alle interrogazioni parlamentari e da quanto scritto sulle modalita' di accesso ai servizi del Consolato come anche da te riportato, posso chiamare direttamente l'ambasciata o mandare un fax o inviare una mail richiedendo una data certa per l'appuntamento il quale verrebbe fissato secondo gli STESSI IDENTICI TEMPI previsto dall'opzione "numero a pagamento" ovvero entro 5 giorni lavorativi. Correggimi se sbaglio...

Infine, dopo le mie mail, l'ambasciata mi ha invitato a presentare documentazione integrativa per la pratica in oggetto al fine di rivedere la possibilita' del visto... Questo per fare presente che effettivamente non e' necessario ricorrere al TAR per contestare un rifiuto di rilascio visto. In fin dei conti in un ambasciata si trovano delle persone che, in quanto diplomatici, privilegiano il discorso piuttosto che la pura e semplice applicazione burocratica delle norme.

La raccolta firme online potrebbe essere una buona idea... pero' se lo andiamo a chiedere direttamente a coloro che fanno richiesta di visto probabilmente si raccoglieranno molto di piu' delle 50 firme...
Secondo me basta stare un paio di giorni davanti all'ambasciata a raccogliere le firme e vedi tu quanti accetteranno la prosposta... ;)

PS: fondamentalmente sono d'accordo con te Domenico, ovvero che la istituzione di una struttura informatica dedicata alla ricezione documenti, smistamento pratiche e prenotazione appuntamenti agevola di molto il lavoro di tutta l'ambasciata e che e' un'ottima soluzione rispetto al caos delle file interminabili davanti alle ambasciate.

Quello che contesto e' il costo della telefonata per contattare il Call Center!
D'accordissimo a spendere 3 euro per coprire le spese vive del call center. Mi sta anche bene il discorso della beneficenza... figurarsi se non mi fa piacere sapere che 3-4 euro possano essere serviti per aiutare un bisognoso o costruire una casa-famiglia o anche semplicemente a dar da mangiare a qualcuno!
Quello che francamente mi fa proprio rodere il "cosiddetto" e' che la META' dei miei soldi vada nelle tasche di una ditta che gestisce un 899!!
Almeno su questo punto Domenico penso sarai d'accordo con me spero....

Messaggio modificato da Capitano69 il 26 agosto 2009 - 15:05


#43 Domenico

Domenico

    Advanced Member


  • 7179 messaggi
  • Iscritto il: 01-agosto 05

Inviato 28 agosto 2009 - 06:28

avevo letto anche di questa possibilita'; pero' quando ho chiamato diretttamente il numero fisso dell'ambasciata per avere conferma della ricezione documenti, mi hanno detto che tutto era stato ricevuto correttamente questa volta, ma la signorina mi ha detto che per fissare l'appuntamento dovevo necessariamente richiamare tramite 899 perche' solo cosi' aveva accesso al terminale per fissare gli appuntamenti (?!?!?!). Quindi almeno un passaggio obbligato attraverso il call center ci sta!


Se hai incanalato la pratica attraverso il call center devi continuare a seguire quel canale! Troppo comodo avviare la partica attraverso il call center, farla verificare e poi non voler pagare tale servizio!! :)

In conclusione, anche secondo te Domenico, NON e' necessario chiamare il Call Center per fissare l'appuntamento?


Mi sembra che le risposte del MAE e le indicazione dell'Ambasciata siano piuttosto chiare in merito...

posso chiamare direttamente l'ambasciata o mandare un fax o inviare una mail richiedendo una data certa per l'appuntamento il quale verrebbe fissato secondo gli STESSI IDENTICI TEMPI previsto dall'opzione "numero a pagamento" ovvero entro 5 giorni lavorativi. Correggimi se sbaglio...Almeno su questo punto Domenico penso sarai d'accordo con me spero....


Non credo proprio che i tempi siano gli stessi... il call center apre una "corsia preferenziale", con le altre modalità si attendono i tempi secondo normativa... almeno questo mi pare di capire...

Infine, dopo le mie mail, l'ambasciata mi ha invitato a presentare documentazione integrativa per la pratica in oggetto al fine di rivedere la possibilita' del visto...


Amedeo, prendi nota! :)

In fin dei conti in un ambasciata si trovano delle persone che, in quanto diplomatici, privilegiano il discorso piuttosto che la pura e semplice applicazione burocratica delle norme.


A Chisinau ci sono UOMINI e non burocrati paraculo!

Secondo me basta stare un paio di giorni davanti all'ambasciata a raccogliere le firme e vedi tu quanti accetteranno la prosposta... Immagine Postata


Se tu hai tempo e voglia di stare due giorni davanti al consolato... fai pure, ci mancherebbe altro... :)

Almeno su questo punto Domenico penso sarai d'accordo con me spero....


Non posso non concordare con te... ;)

#44 Livi

Livi

    Advanced Member


  • 3079 messaggi
  • Iscritto il: 27-ottobre 05

Inviato 29 agosto 2009 - 16:52

@ Livi

Sono d'accordo con te. Anche io sono sempre stato un convinto sostenitore di una politica migratoria regolamentata, severa nei suoi parametri


E' una contraddizione arrabbiarsi quindi Immagine Postata
la causa del tuo malcontento è il risultato ovvio che si ottiene permettendo a qualcuno di limitare la libertà di altri inevitabilmente si producono gli effetti che hai ben descritto nei tuoi post.

Io trovo tutto questo sistema MOLTO distorto
Se riconosciamo la pari dignità a TUTTI gli esseri umani,
dovremmo riconoscere a tutti anche gli stessi diritti fondamentali!

Negare a qualcuno la possibilità di uscire dal proprio Paese per il solo fatto che quella persona proviene da un Paese povero, è una discriminazione importante in netto contrasto con quanto scritto sopra .
Pari dignità tra esseri umani ...la legge è uguale per tutti ... sono solo parole ....una volontà espressa in passato, in momenti difficili.... oggi molto poco condivisa.
Non si fa riferimento al portafoglio (vero o presunto) del soggetto in nessuna legge (nazionale o internazionale che sia...) ma nella pratica si concede dignità al soggetto partendo proprio da quel dato ...anzi esclusivamente da quello.
A persone, (anche con precedenti penali,) è concesso di viaggiare per il mondo...
se provenienti da paesi ricchi ..........( o con un personale patrimonio, non importa nemmeno se quella ricchezza è o non è , frutto di reati ) e se vuole può pure chiedere la residenza....Immagine Postata Immagine Postata Immagine Postata purchè abbia EURO in tasca
mentre ( come nel tuo caso) viene negato l'ingresso ad un medico per turismo solo perchè proveniente da un Paese povero... un paese che viceversa accoglie me..te.. ma anche la compagnia dei qui più volte descritti ...trom..tori in trasferta o gentaglia di ogni tipologia ... con quattro euro da spendere in tasca
Cosa ci trovi, in tutta questa realtà , di civile di rispettoso della dignità delle persone di ispirato a principi di giustizia? Io NIENTE!!!!
Il visto turistico ...è di per sé una cretinata , la negazione di un principio sbandierato come una conquista civile ...ancora lontana da venire però!!

#45 Domenico

Domenico

    Advanced Member


  • 7179 messaggi
  • Iscritto il: 01-agosto 05

Inviato 08 settembre 2009 - 09:23

Ci sono novità? Com'è andata a finire? :hmm:

#46 Capitano69

Capitano69

    Member


  • 93 messaggi
  • Iscritto il: 18-novembre 08

Inviato 09 settembre 2009 - 08:46

Si Domenico, la novita' e' arrivata... ed e' positiva! Stavo aspettando per scrivere in quanto la mia dolce meta' e' qui in Italia con me e ci staimo finalmente godendo una breve vacanza.
Dopo il colloquio con l'ambasciatore siamo riusciti a chiarire le iniziali incomprensioni che avevano portato al rifiuto del visto e di conseguenza la domanda e' stata riesaminata con esito positivo stavolta!
Premetto che cio' non e' dovuto al fatto che io ho protestato anche forse in maniera un po' esagerata, ma principalmente per il fatto che a seguito del colloquio l'ambasciatore ha avuto modo di rendersi conto che la nostra era una di quelle richieste di visto turistico "reali" e che non nascondeva secondi fini. A cio' si aggiunga il fatto che abbiamo depositato documentazione integrativa riguardo alla domanda di specializzazione in medicina e che quindi tale documentazione comprova il reale interesse a tornare in patria della mia ragazza.

Dai documenti presentati in prima istanza la nostra pratica rientrava apparentemente nella casistica dell'80% delle domande a "rischio" ovvero quelle richieste a seguito delle quali il richiedente non fa ritorno in patria; ho avuto modo di vedere personalmente un faldone di documenti con centinaia di domande di visto turistico ma anche di lavoro concessi ma che non sono stat rispettati con conseguente mancato rientro in patria. In alcuni casi addirittura l'invitante era sparito e non raggiungibile in alcun modo... insomma la casistica e' la piu' disparata, le richieste di visto le piu' diverse ma il risultato e' uno solo.

Per farla breve, in una situazione delicata come la nostra ovvero una ragazza che ha terminato gli studi, che non si era ancora iscritta alla specializzazion, che non lavorava e che da sola richiede un visto turistico per l'Italia, le maglie del controllo si restringono di molto... trattandosi di una pratica a rischio. Coppie "fittizie" del tipo lui pensionato 60enne, lei bionda mozzafiato di 20; coppie occasionali che si conoscono magari da 1-2 mesi; invitanti "prestanome" che spariscono alla prima occasione.... sono tutti esempi che rientrano nell'80% circa delle domande rifiutate...
Cio' non toglie che ci sia un 20% di richieste reali che l'ambasciatore stesso si e' dichiarato disponibile ad aiutare! Fortunamente dopo il nostro colloquio il dott. De Leo ha avuto modo di conoscere personalmente me e la mia ragazza, rendendosi conto che la nostra relazione rientra in quel 20% reale che merita di essere premiato.


Inoltre nell'occasione del colloquio ho avuto modo di capire come si svolgono le effettive procedure tramite call center e l'ambasciatore stesso mi ha confermato che il call center NON e' l'unico modo per presentare le domande. Ci si puo' anche rivolgere allo sportello direttamente e depositare la documentazione che pero' in questo caso ha bisogno di minimo una settimana per essere valutata affinche' possa essere fissato l'appuntamento per il colloquio.
Bisogna comrpendere pero' che il colloquio e' il solo momento in cui viene effettivamente valutata la documentazione e non prima!
Preciso che l'ambasciatore in persona mi ha confermato che a prescindere dalla documentazione preferisce prendere in considerazione molto di piu l'aspetto umano piuttosto che le fredde formalita' burocratiche.
Per concludere la documentazione formalmente completa, corretta e rispondente ai requisiti Schengen e' condizione NECESSARIA ma NON SUFFICIENTE al rilascio di un visto... ma poi al momento del colloquio dovete dimostrare che e' tutto vero e non una richiesta fittizia!

#47 Domenico

Domenico

    Advanced Member


  • 7179 messaggi
  • Iscritto il: 01-agosto 05

Inviato 09 settembre 2009 - 09:03

la mia dolce meta' e' qui in Italia con me e ci staimo finalmente godendo una breve vacanza


Felice per voi :)
Godetevi sta vacanza ;)