Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto
- - - - -

Il trailer del film «Educazione siberiana» con John Malkovic


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
46 risposte a questa discussione

#21 giobruno

giobruno

    Il Prof


  • 1451 messaggi
  • Iscritto il: 03-febbraio 10

Inviato 16 febbraio 2013 - 11:50

Innanzitutto grazie della risposta esaustiva, è sempre un piacere leggere i tuoi post.

 

Io ho l'impressione che i due abbiano in comune molto di più del look, probabilmente condividono molte strutture di uno stesso palcoscenico, stesso dicasi per la visibilità.

 

beh, Lulula, hai detto in modo piu' diretto quello che anch'io un po' penso.

Nel look è anche sottinteso, la frenesia di mettersi in...vetrina e l'ebbrezza di calcare il palcoscenico .

Il bestseller 'Educazione siberiana', se fosse uscito qui in Transnistria, avrebbe arrecato molti problemi all'autore. Qui non amano sparafrottole visto che lo scritto non è ne' un romanzo ne' un'indagine antropologica ma parla di un inesistente gruppo etnico qui residente al tempo della secessione...in più l'autore messo alle strette continua ad ammettere l'inamissbile e finisce nelle interviste per dichiarare  che tutte le 40 famiglie di urka sono sparite qui a  Bender.

 La diversità  dovrebbe essere concepita come un valore aggiunto in una comunità. Qui in Transnistria convivvono varie etnie  anche nel sentimento religioso: qui si puo' trovare la chiesa ortodossa, quella cattolica e la sinagoga nella stessa piazza. 



#22 Lulula

Lulula

    Advanced Member


  • 140 messaggi
  • Iscritto il: 24-ottobre 12

Inviato 16 febbraio 2013 - 17:23

Due grandi "pallonari" ai quali i media dedicano molte attenzioni, trasformandoli quasi in due eroi.

 

Casualità o "pacchi" preconfezionati?

 

Basterebbe chiedersi verso quale mulino portano acqua, anche se prendono il giro largo...



#23 VincentHanna

VincentHanna

    Advanced Member


  • 1410 messaggi
  • Iscritto il: 24-novembre 10

Inviato 16 febbraio 2013 - 18:13

Il bestseller 'Educazione siberiana', se fosse uscito qui in Transnistria, avrebbe arrecato molti problemi all'autore. Qui non amano sparafrottole visto che lo scritto non è ne' un romanzo ne' un'indagine antropologica ma parla di un inesistente gruppo etnico qui residente al tempo della secessione

 

ma tolta quella (la comunità e le sue tradizioni) è un semplice racconto romanzato di chi è nato e ha vissuto quel periodo fine anni '80 e gli anni '90 sulle ceneri dell'ex urss 



Basterebbe chiedersi verso quale mulino portano acqua, anche se prendono il giro largo...

 

soldi, soldi e soldi

 

e fama a piacere



#24 Lulula

Lulula

    Advanced Member


  • 140 messaggi
  • Iscritto il: 24-ottobre 12

Inviato 16 febbraio 2013 - 20:40

ma tolta quella (la comunità e le sue tradizioni) è un semplice racconto romanzato di chi è nato e ha vissuto quel periodo fine anni '80 e gli anni '90 sulle ceneri dell'ex urss 



 

soldi, soldi e soldi

 

e fama a piacere

 

mmmm.....

 

Certo, anche soldi e fama per loro, ci mancherebbe!

 

Nel contempo sarebbe utile chiedersi, e soprattutto capire correttamente, "chi" ha tanto interesse ad accendere i riflettori su di loro e sulle loro opere e perché...

 

Senza il costante contributo dei media rimarrebbero degli emeriti sconosciuti, come tanti altri autori anche di maggior valore.


Messaggio modificato da Lulula il 16 febbraio 2013 - 20:43


#25 giobruno

giobruno

    Il Prof


  • 1451 messaggi
  • Iscritto il: 03-febbraio 10

Inviato 16 febbraio 2013 - 22:41

mmmm.....

 

Certo, anche soldi e fama per loro, ci mancherebbe!

 

Nel contempo sarebbe utile chiedersi, e soprattutto capire correttamente, "chi" ha tanto interesse ad accendere i riflettori su di loro e sulle loro opere e perché...

 

Senza il costante contributo dei media rimarrebbero degli emeriti sconosciuti, come tanti altri autori anche di maggior valore.

se metti su una storia con gli ingredienti giusti e uno sfondo scenografico che fa riferimento all'impero sovietico in cenere,  frontiere inesistenti, bande di criminali tatuati (quelli fuggiti dalle carceri), supermarket di armi a buon mercato, l'armata rossa con al seguito qualche distaccamento di cosacchi utilizzati nei momenti topici fin dal tempo della spedizione russa di Napoleone, il tutto condito di retorica e di una buona conoscenza della Russia sovietica....questo innesca una miscela tonante che attizza l'immaginario collettivo, tenuto conto che l'est europeo è per molti ancora un vero tabù in grado però di scatenare una curiosità morbosa.

 

Comunque abili i due a sfruttare  fino in fondo l'apporto dei media, come avete opportunamente rilevato.



#26 Lulula

Lulula

    Advanced Member


  • 140 messaggi
  • Iscritto il: 24-ottobre 12

Inviato 18 febbraio 2013 - 01:41

Roberto Saviano, Nicolai Lilin, Pussy Riot ecc. in comune non hanno talento, ma sicuramente l'attenzione morbosa dei media.

 

Perché? 


Messaggio modificato da Lulula il 18 febbraio 2013 - 01:44


#27 CarloP

CarloP

    Rappresentante Moldweb a Chisinau


  • 3602 messaggi
  • Iscritto il: 23-dicembre 08

Inviato 28 febbraio 2013 - 14:16

Questo mi era sfuggito ... le musiche del film sono di Mauro Pagani,

musicista che ho sempre apprezzato sin da quando suonava con la

PFM e con De Andre' ...

Decisamente un punto a favore.



#28 gilly

gilly

    Advanced Member


  • 1839 messaggi
  • Iscritto il: 19-agosto 05

Inviato 01 marzo 2013 - 09:15

domenica tutta la famiglia a vederlo ....

Sono curiosi/o ... vedremo che dicono i miei famigliari "figli" del Nistru (anche se più a nord, Rezina, le cannonate della guerra le ha vissute lo stesso).



#29 CarloP

CarloP

    Rappresentante Moldweb a Chisinau


  • 3602 messaggi
  • Iscritto il: 23-dicembre 08

Inviato 03 marzo 2013 - 22:09



#30 giobruno

giobruno

    Il Prof


  • 1451 messaggi
  • Iscritto il: 03-febbraio 10

Inviato 03 marzo 2013 - 22:38

domenica tutta la famiglia a vederlo ....

Sono curiosi/o ... vedremo che dicono i miei famigliari "figli" del Nistru (anche se più a nord, Rezina, le cannonate della guerra le ha vissute lo stesso).

i miei famigliari figli del Nistro a Bender che hanno vissuto sulla loro pelle quel giugno del 1992..non hanno alcuna curiosità nel vedere questo film...semplicemente perchè  tratto  da una colossale bufala...risparmiando Salvatores che è caduto nella trappola del ..fuorigioco..

Qui nella città del libro ben pochi conoscono Lilin, non sono interessati al suo libro e tanto meno al film che ne hanno tratto.

Cmq se sei andato a vederlo, che impressione hai avuto?



#31 gilly

gilly

    Advanced Member


  • 1839 messaggi
  • Iscritto il: 19-agosto 05

Inviato 04 marzo 2013 - 09:13

Allora, come tutti i film tratti da libri non li ripetono fedelmente (ad esempio la guerra civile neanche è menzionata, la si intuisce se già sai che c'è ).

Poi non viene mai detto esplicitamente dove sarebbe ambientato, se non in una "vaga" regione sud-occidentale dell' ex urss.

Tanto meno c'è la classica scritta "basato su di una storia vera".

Con queste premesse, che mi fanno pensare che anche Salvatores abbia capito che la storia fosse mooolto romanzata, ci è piaciuto.

Insomma un romanzo che invece di essere ambientato negli inflazionati quartieri di NY o LA è ambientato in una misconosciuta terra europea.

Ricostruzioni di scena ottime, il regista non lo scopro di certo io, musiche belle ed adatte. Insomma, la mia compagna è rimasta stupita per come un'italiaska sia riuscito a ricostruire il periodo storico, ed era dispiaciuta che non fosse andato a girare sul Nistru, quello vero.

Questa la MIA modesta opinione.



#32 VincentHanna

VincentHanna

    Advanced Member


  • 1410 messaggi
  • Iscritto il: 24-novembre 10

Inviato 04 marzo 2013 - 09:17

Salvatores che è caduto nella trappola del ..fuorigioco

 

no giordano, 

 

prima ancora che iniziassero le riprese, disse che la veridicità del racconto non lo interessava, quello che gli piaceva era la trama, come racconto da portare sugli schermi ... e ha fatto bene

 

 

 

Cmq se sei andato a vederlo, che impressione hai avuto?

 

io non l'ho ancora visto, mi è dispiaciuto non essere a bologna una settimana fa dove i due hanno presentato il loro film presso il cinema lumiere che sicuramente conoscerai 

 

intanto le recensioni non ne parlano un granché



#33 VincentHanna

VincentHanna

    Advanced Member


  • 1410 messaggi
  • Iscritto il: 24-novembre 10

Inviato 04 marzo 2013 - 09:21

Tanto meno c'è la classica scritta "basato su di una storia vera".

 

trovata pubblicitaria molto in voga ultimamente (ultimi 10 anni)

 

a quanto sembra c'è sta una limatura bella e buona sul come e dove avviene tutto ciò, 

 

eh ... il mito dell'est, è duro a morire :)



#34 giobruno

giobruno

    Il Prof


  • 1451 messaggi
  • Iscritto il: 03-febbraio 10

Inviato 04 marzo 2013 - 17:55

Allora, come tutti i film tratti da libri non li ripetono fedelmente (ad esempio la guerra civile neanche è menzionata, la si intuisce se già sai che c'è ).

Poi non viene mai detto esplicitamente dove sarebbe ambientato, se non in una "vaga" regione sud-occidentale dell' ex urss.

Tanto meno c'è la classica scritta "basato su di una storia vera".

Con queste premesse, che mi fanno pensare che anche Salvatores abbia capito che la storia fosse mooolto romanzata, ci è piaciuto.

Insomma un romanzo che invece di essere ambientato negli inflazionati quartieri di NY o LA è ambientato in una misconosciuta terra europea.

Ricostruzioni di scena ottime, il regista non lo scopro di certo io, musiche belle ed adatte. Insomma, la mia compagna è rimasta stupita per come un'italiaska sia riuscito a ricostruire il periodo storico, ed era dispiaciuta che non fosse andato a girare sul Nistru, quello vero.

Questa la MIA modesta opinione.

 

 

Salvatores da vecchia  volpe avrà saputo ben miscelare gli ingredienti. Le musiche di Pagani le ho ascoltate dal video postato da Carlo...tu mi dici che l'ambientazione e la scenografia è di effetto e  poi la tua famiglia è rimasta favorevolemente impressionata.

E allora un primo risultato positivo il regista l'ha già colto.

E anch'io  non riesco a comprendere perchè gli esterni siano stati girati in Lituania senza riuscire a trovare un riferimento a ridosso del Nistro (anche senza entrare a Bender  ci sono piu' di 500 km di fiume in terra moldava).

Grazie per la tua sommaria recensione.

 

no giordano, 

 

prima ancora che iniziassero le riprese, disse che la veridicità del racconto non lo interessava, quello che gli piaceva era la trama, come racconto da portare sugli schermi ... e ha fatto bene

 

 

 

Cmq se sei andato a vederlo, che impressione hai avuto?

 

io non l'ho ancora visto, mi è dispiaciuto non essere a bologna una settimana fa dove i due hanno presentato il loro film presso il cinema lumiere che sicuramente conoscerai 

 

intanto le recensioni non ne parlano un granché

 

in effetti Vincent mi sono perso la sua dichiarazione sul suo disinteresse  per l'attendibilità/affidabilità del racconto di Lilin.

E sotto questo aspetto- faccio ammenda - il regista non è caduto in fuorigioco, ma ha dribblato le possibili critiche e  fraintendimenti.

Semplicemente, Salvatores ha saputo rieleborare una trama sicuramente avvincente da scodellare ad un pubblico incuriosito dalla novità e dal fascino per un mondo violento e misconosciuto.

La cosa pe me goffa è che il film è stato presentato nella mia Bologna al cinema Lumiere che conosco, mentre mi trovo qui a Bender, la città in cui è ambientata la trama del 'romanzo'

 

 

 

trovata pubblicitaria molto in voga ultimamente (ultimi 10 anni)

 

a quanto sembra c'è sta una limatura bella e buona sul come e dove avviene tutto ciò, 

 

eh ... il mito dell'est, è duro a morire :)

 

hai dato tu la risposta migliore. Il film e il romanzo si mantengono su due binari paralleli.

Il film è una riedizione rielaborata con risvolti epico-romanzeschi  della storia a sua volta romanzata di Lilin.

Forse questo è quello che ho capito



#35 Lulula

Lulula

    Advanced Member


  • 140 messaggi
  • Iscritto il: 24-ottobre 12

Inviato 04 marzo 2013 - 20:39

Salvatores da vecchia  volpe avrà saputo ben miscelare gli ingredienti.

(...)

E anch'io  non riesco a comprendere perchè gli esterni siano stati girati in Lituania senza riuscire a trovare un riferimento a ridosso del Nistro (anche senza entrare a Bender  ci sono piu' di 500 km di fiume in terra moldava). 

(...)

 il regista non è caduto in fuorigioco, ma ha dribblato le possibili critiche e  fraintendimenti.

 

Qualcuno sa chi ha "voluto" quel film?

 

Chi lo ha finanziato... lo ha fatto solo perché ha creduto in un possibile ritorno dell'investimento, o anche per altri motivi?



#36 CarloP

CarloP

    Rappresentante Moldweb a Chisinau


  • 3602 messaggi
  • Iscritto il: 23-dicembre 08

Inviato 04 marzo 2013 - 22:00

EDUCAZIONE SIBERIANA
"... il mio primo film in costume, girato a meno 30 tra i ghiacci e la neve della Lituania dove sono stati ricreati molti degli ambienti che nel libro appartengono alla regione Transnistria, l’attuale Moldavia". (GABRIELE SALVATORES)

 

Allega File

  • Allega File  2.jpg   64,53K   7 Numero di downloads
  • Allega File  3.jpg   92,82K   9 Numero di downloads
  • Allega File  5.jpg   60,16K   8 Numero di downloads
  • Allega File  6.jpg   56,57K   9 Numero di downloads
  • Allega File  11.jpg   67,22K   13 Numero di downloads
  • Allega File  upside-down_gal_landscape.jpg   33,57K   10 Numero di downloads

Messaggio modificato da CarloP il 04 marzo 2013 - 22:01


#37 gilly

gilly

    Advanced Member


  • 1839 messaggi
  • Iscritto il: 19-agosto 05

Inviato 05 marzo 2013 - 08:28

perchè non è andato in moldova ?

provo a rispondere: burocraticamente/logisticamente farlo in un paese UE penso sia stato un grosso vantaggio.

Il film è prodotto da Rai Cinema quindi non penso ci siano motivi "nascosti" oltre al ritorno dei denari



#38 VincentHanna

VincentHanna

    Advanced Member


  • 1410 messaggi
  • Iscritto il: 24-novembre 10

Inviato 05 marzo 2013 - 10:15

Qualcuno sa chi ha "voluto" quel film?

 

 

vista la popolarità del libro, l'industria cinematografica agisce di conseguenza come da copione, 

 

Cattleya, la casa di produzione che comprò i diritti del libro se non erro, 

 

significa battere il ferro finché è caldo



#39 VincentHanna

VincentHanna

    Advanced Member


  • 1410 messaggi
  • Iscritto il: 24-novembre 10

Inviato 05 marzo 2013 - 10:25

perchè non è andato in moldova ?

 

non è stato girato in loco dove si svolge la vicenda

 

uno perché transnistria, non penso che le autorità transnistriane sarebbero d'accordo farsi rovinare l'immagine con una storia per metà inventata 

 

due perché non ci sono le attrezzature, 

 

un regista tenuto con le pinze dai produttori non può portarsi dietro tutto il necessario per girare il film, perché costa

 

e non è possibile prevederne tutti gli utilizzi, 

 

quindi li noleggia sul posto - lituania, 

 

in più il fattore dell'organizzazione è molto importante, 

 

oltre al freddo immagino che a salvatores gli sarebbe scoppiata la testa se il pranzo per la troupe non fosse all'ora prestabilita, che le luci non fossero pronte perché è partita la corrente, che qualcuno non gli da il permesso di girare e così via



#40 gilly

gilly

    Advanced Member


  • 1839 messaggi
  • Iscritto il: 19-agosto 05

Inviato 05 marzo 2013 - 14:41

non è stato girato in loco dove si svolge la vicenda

 

uno perché transnistria, non penso che le autorità transnistriane sarebbero d'accordo farsi rovinare l'immagine con una storia per metà inventata 

 

due perché non ci sono le attrezzature, 

 

un regista tenuto con le pinze dai produttori non può portarsi dietro tutto il necessario per girare il film, perché costa

 

e non è possibile prevederne tutti gli utilizzi, 

 

quindi li noleggia sul posto - lituania, 

 

in più il fattore dell'organizzazione è molto importante, 

 

oltre al freddo immagino che a salvatores gli sarebbe scoppiata la testa se il pranzo per la troupe non fosse all'ora prestabilita, che le luci non fossero pronte perché è partita la corrente, che qualcuno non gli da il permesso di girare e così via

Appunto, quello che ho detto io: burocrazia e logistica

Poi sono d'accordo con te pure sul fatto che a priori avrebbero storto il naso sulla storia.

Cosa che per come poi si svolge il film non trovo fondata. E comunque anche New york non è stata danneggiata per le centinaia di film e telefilm sulle bande e/o delinquenza locale.

Come dicono in USA  "bene o male l'importante è che se parli". Anzi avrebbero trovato dei finti siberiani da far vedere ai turisti curiosi a cui avrebbero venduto tatuaggi borsh icone Tshirt ecc ecc

Business is business