Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto
- - - - -

Taxa de drum (vinieta)


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
47 risposte a questa discussione

#1 Domenico

Domenico

    Advanced Member


  • 7179 messaggi
  • Iscritto il: 01-agosto 05

Inviato 24 settembre 2012 - 19:46

Către Parlamentul Republicii Moldova,

Către Guvernul Republicii Moldova,

și în special domnului ministru Negruța


Scrisoare deschisă


Domnilor deputați, vă adresam această scrisoare pentru că nu putem rămîne indiferenți față de decizia Guvernului Republicii Moldova din data de 10 septembrie 2012 privind introducerea unei taxe de drum (vinietă) pentru autoturismele înmatriculate în afara Republicii Moldova. Nu sîntem împotriva introducerii unei astfel de taxe, care este aplicată și în alte țări europene. Considerăm însă că atît termenele 3 zile, 30 zile și 180 zile, dar mai ales costul de respectiv 7 €, 65 € și 380 € sînt mai mult decît aberante (cele mai mari taxe în țara cea mai săracă din Europa). Vă reamintim că conform tarifelor oficiale taxa anuală de drum pentru autoturismele înregistrate în RM variază în funcție de capacitatea motorului de la 100 lei la 3000 lei în mediu fiind de 500 lei, circa 35 €, adică de 20 de ori mai mică decît taxa anuala pe care Guvernul RM vrea să ne oblige să o achităm. Domnul ministru al finanțelor Negruța, la inițiativa căruia a fost avizat acest proiect, la prezentarea acestuia în guvern a vorbit despre echitate - precum că cei care au autoturismele înmatriculate în RM plătesc taxa de drum cei însă care au autoturismele înregistrate în afară nu plătesc nimic. Să înțelegem că aceste tarife exagerate vor aduce, în viziunea dlui Negruța, la echilibrul perfect al echității între cetățenii în RM?!!! Noi, compatrioți ai domniilor voastre, cu reședințele în străinătate credem însă că această taxă care ne vizează direct nu este doar o noua invenție rușinoasa, dar și o insultă la adresa întregii diaspore, care deja muncește mult pentru bunăstarea RM. Foarte ingenios și motivant, inclusiv și pentru turiștii străini care vin în RM și așa cu mare greu, pentru studenții noștri din România, pentru cei ce tranzitează RM, dacă mai sînt din astea.
Nu putem fi de acord cu astfel de decizii și credem că domnul ministru Negruța nu are o viziune întocmai echitabilă a echității, mai ales cînd Republica Moldova e plină de autoturisme înregistrate în partea de est a RM (Transnistria) care în general nu plătesc nicio taxă.
Credem că cea mai potrivită soluție ar fi micșorarea acestor tarife la un nivel rezonabil, spre exemplu ca cele din România. Dar cea mai echitabilă metodă este includerea taxei de drum în prețul carburanților. Astfel cei care consumă mai mult, respectiv circulă și utilizează drumurile mai mult, vor plăti mai mult și nu are importantă unde este înregistrată mașina.
Cît privește ideile de a introduce și alte taxe/impozite pentru cetățenii ce locuiesc în afara RM vă anunțăm că am dori să le plătim acasă cu mare placere dar le plătim deja în țările care ne creează și asigură condiții echitabile de trai. Dle Neguță, vă rugăm să nu priviți diaspora ca vacă de muls a Republicii, ocupați-vă mai bine de impozitarea miliardarilor din Chișinău.
Prin urmare, domnilor deputați vă rugăm, nu adoptați acest proiect de lege, nu ne dezamăgiți, nu vă faceți de rușine.

Grupul de Inițiativă LaParis.net - Alexandru Levițchi
Clubul Liberal Paris - Vasile Calmațui
Asociația "IMPACT - ÎMPreună ACȚionăm - Agissons Ensemble" - Vitalie Vovc
Moldova Vision Irlanda - Serghei Petrovschi
Asociația femeilor originare din R. Moldova în Franța - Svetlana Postolachi
Asociația Daco-Romanii - Nicolae Dragomir
Asociația NeoDacii - Gheorghe Bobeică

#2 badica

badica

    L'addetto stampa


  • 7633 messaggi
  • Iscritto il: 21-agosto 05

Inviato 25 settembre 2012 - 08:43

Spero venga presa in seria considerazione la proposta,

pervenuta al ministero delle finanze da più parti,

di modificare il modificabile

portando i prezzi quantomeno al livello della Romania

aumentando al contempo i periodi di validità.

Mi chiedo poi...

ad un turista (o viaggiatore che sia) che circola in MD viene richiesto di pagare un TOT...anzi permettetemi il gioco di parole

un BOT :roflmao:

ma al viaggiatore che circola in lungo e in largo sul territorio MD con targa.... PMR...???

#3 VincentHanna

VincentHanna

    Advanced Member


  • 1410 messaggi
  • Iscritto il: 24-novembre 10

Inviato 25 settembre 2012 - 13:15

7€, 35€ e 380€

Qualcuno sa in base a che cosa hanno stabilito i seguenti prezzi ?

#4 vasia

vasia

    Advanced Member


  • 1497 messaggi
  • Iscritto il: 02-luglio 08

Inviato 25 settembre 2012 - 13:20

7€, 35€ e 380€

Qualcuno sa in base a che cosa hanno stabilito i seguenti prezzi ?

Per fare le persone che hanno targhe straniere e che circula in Moldova, di registrare la macchina in R.M.

#5 VincentHanna

VincentHanna

    Advanced Member


  • 1410 messaggi
  • Iscritto il: 24-novembre 10

Inviato 25 settembre 2012 - 14:21

Per fare le persone che hanno targhe straniere e che circula in Moldova, di registrare la macchina in R.M.


Come hanno stabilito questi prezzi ? In base a cosa, un punto di riferimento ?

non per chi sono state fatte

#6 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 25 settembre 2012 - 14:29

Per fare le persone che hanno targhe straniere e che circula in Moldova, di registrare la macchina in R.M.


Si ,
anch'io riesco a giustificare la cosa

solo in funzione di potente spauracchio per questi furbetti

E pensare che questa estate
c'era chi si stracciava le vesti
per una equivalente tassa da qualche euro pagata entrando in PMR


Messaggio modificato da Rick il 25 settembre 2012 - 14:30


#7 jerrydrake

jerrydrake

    Advanced Member


  • 9846 messaggi
  • Iscritto il: 22-agosto 05

Inviato 25 settembre 2012 - 15:23

E pensare che questa estate
c'era chi si stracciava le vesti
per una equivalente tassa da qualche euro pagata entrando in PMR


Silenzio! Mi stavo chiedendo quando comparivi! :185:

#8 nikita

nikita

    Advanced Member


  • 6673 messaggi
  • Iscritto il: 16-agosto 05

Inviato 25 settembre 2012 - 16:08

Come hanno stabilito questi prezzi ? In base a cosa, un punto di riferimento ?

non per chi sono state fatte


Sembra, e sottolineo sembra, che la legge è stata pensata (sic) per fregare i 50.000 furbetti moldavi proprietari di auto con targa straniera che circolano in Moldova. Qualche mese fa era stata approvata una sorta di sanatoria per invogliare questi furbi a immatricolare l'auto dietro pagamento di una tassa. La legge permette il cambio targa fino alla fine di ottobre. Fino a oggi SOLO trecento (dei 50.000) hanno cambiato targa: in poche parole se ne fregano o pagano la mazzetta per aggirare l'ostacolo.
I politici moldavi, dediti più all'alcool, al lavoro nei campi e ai frigarui con gli amici, per fregare questi 50.000, non si sono avveduti che con questa legge "inchiappettano" i moldavi che lavorano all'estero. Infatti le varie associazioni della diaspora hanno protestato.

#9 badica

badica

    L'addetto stampa


  • 7633 messaggi
  • Iscritto il: 21-agosto 05

Inviato 25 settembre 2012 - 16:14

Mi hanno detto, ma non ho verificato, che se l'auto con targa straniera è intestata ad una società si puo' circolare tranquillamente anche dopo la scadenza del "periodo di grazia"...

Ti risulta?

#10 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 25 settembre 2012 - 16:21

Silenzio! Mi stavo chiedendo quando comparivi! :185:


prima o poi il castigo di Dio salta fuori ! :azz:

#11 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 25 settembre 2012 - 16:31

Sembra, e sottolineo sembra, che la legge è stata pensata (sic) per fregare i 50.000 furbetti moldavi proprietari di auto con targa straniera che circolano in Moldova. Qualche mese fa era stata approvata una sorta di sanatoria per invogliare questi furbi a immatricolare l'auto dietro pagamento di una tassa. La legge permette il cambio targa fino alla fine di ottobre. Fino a oggi SOLO trecento (dei 50.000) hanno cambiato targa: in poche parole se ne fregano o pagano la mazzetta per aggirare l'ostacolo.
I politici moldavi, dediti più all'alcool, al lavoro nei campi e ai frigarui con gli amici, per fregare questi 50.000, non si sono avveduti che con questa legge "inchiappettano" i moldavi che lavorano all'estero. Infatti le varie associazioni della diaspora hanno protestato.



BAsterebbe invece fare uan legge equivalente a quella i vigore in Italia

per cui un italiano residente in Italia

non può guidare auto con targa straniera

a pena del sequestro della medesima

E fine del cinema

(tra l'altro
anni fa mi capitò di seguire proprio un caso del genere ,
un ragazzo svizzero che prestò la sua macchina ad un ragazzo italiano per tornare a Milano
e gliela sequestrarono ....
Un disastro ! tra burocrazia ed inefficienze del palazzo di giustizia ,
menefreghismo e vandalismo dei deposti giudiziari
molto semplicemente andò a finire con un AUTO PERSA !
Quando dopo circa tre anni si riuscì a farla dissequestrare era un rottame , mancavano pezzi ovunque , lasciata con i vetri aperti e tutta marcia dentro
GIURO , UNA VERGOGNA DI ESSERE ITALIANO COME QUELLA VOLTA NON L'HO PROVATA SPESSO
PER DI PIU' AVENDO A CHE FARE CON UNO SVIZZERO ! )

#12 Daniele

Daniele

    Corrispondente Moldweb da Bucarest


  • 684 messaggi
  • Iscritto il: 24-aprile 07

Inviato 25 settembre 2012 - 16:50

BAsterebbe invece fare uan legge equivalente a quella i vigore in Italia

per cui un italiano residente in Italia

non può guidare auto con targa straniera

a pena del sequestro della medesima

E fine del cinema


:hmm: Approfitto della tua competenza...fammi capire bene questo argomento.
Cosa intendi precisamente per italiano residente in Italia?
Cioè voglio capire...

CASO I

Prendiamo il caso di uno che è legalmente residente in un paese estero, ovviamente ha tutti i documenti che attestano la tua legalità ma non è iscritto all'AIRE, costui, continua a figurare anche nei registri anagrafici del suo Comune quindi, possiamo dire si, che è residente all'estero ma anche in Italia giusto?
In questo caso, se lo dovessero fermare mentre conduce un veicolo con targa straniera, vale la sua residenza all'estero oppure no perchè manca l'iscrizione all' AIRE?

CASO II

Stessa situazione di cui sopra, solo che conduce un auro sempre con targa estera ma il mezzo è intestato a lui o è cointestatario.

#13 vasia

vasia

    Advanced Member


  • 1497 messaggi
  • Iscritto il: 02-luglio 08

Inviato 25 settembre 2012 - 17:58

Come hanno stabilito questi prezzi ? In base a cosa, un punto di riferimento ?

non per chi sono state fatte

Per che la registrazione di una macchina piu vechea di ani, in dependenza anche del cm cubi del motore in media passa i 2000 euro.
E hanno fatto in modo che questi con i numeri di Lituania e Bulgheria di registrare le macchine.
Per che se meteva la vinieta 380 euro al anno, a quelli li conviene pagare la vinieta e non registrare la macchina.

#14 jerrydrake

jerrydrake

    Advanced Member


  • 9846 messaggi
  • Iscritto il: 22-agosto 05

Inviato 25 settembre 2012 - 22:01

:hmm: Approfitto della tua competenza...fammi capire bene questo argomento.
Cosa intendi precisamente per italiano residente in Italia?
Cioè voglio capire...

CASO I

Prendiamo il caso di uno che è legalmente residente in un paese estero, ovviamente ha tutti i documenti che attestano la tua legalità ma non è iscritto all'AIRE, costui, continua a figurare anche nei registri anagrafici del suo Comune quindi, possiamo dire si, che è residente all'estero ma anche in Italia giusto?
In questo caso, se lo dovessero fermare mentre conduce un veicolo con targa straniera, vale la sua residenza all'estero oppure no perchè manca l'iscrizione all' AIRE?

CASO II

Stessa situazione di cui sopra, solo che conduce un auro sempre con targa estera ma il mezzo è intestato a lui o è cointestatario.


basta vedere sulla patente dove sei residente ;)

Per che la registrazione di una macchina piu vechea di ani, in dependenza anche del cm cubi del motore in media passa i 2000 euro.
E hanno fatto in modo che questi con i numeri di Lituania e Bulgheria di registrare le macchine.
Per che se meteva la vinieta 380 euro al anno, a quelli li conviene pagare la vinieta e non registrare la macchina.



E' molto semplice Vasia: o moldavi devono avere la macchina con targa moldava. Punto...

#15 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 25 settembre 2012 - 23:13

:hmm: Approfitto della tua competenza...fammi capire bene questo argomento.
Cosa intendi precisamente per italiano residente in Italia?
Cioè voglio capire...

CASO I

Prendiamo il caso di uno che è legalmente residente in un paese estero, ovviamente ha tutti i documenti che attestano la tua legalità ma non è iscritto all'AIRE, costui, continua a figurare anche nei registri anagrafici del suo Comune quindi, possiamo dire si, che è residente all'estero ma anche in Italia giusto?
In questo caso, se lo dovessero fermare mentre conduce un veicolo con targa straniera, vale la sua residenza all'estero oppure no perchè manca l'iscrizione all' AIRE?

CASO II

Stessa situazione di cui sopra, solo che conduce un auro sempre con targa estera ma il mezzo è intestato a lui o è cointestatario.



Penso che da questo prospetto puoi ricavare tutte le risposte

(ps: l'abbreviazione CDS significa "codice della strada" mentre "TULD" sta per "testo unico legislazione doganale")

http://forum.moldweb...&attach_id=6879


Messaggio modificato da Rick il 25 settembre 2012 - 23:25


#16 pierpa

pierpa

    Advanced Member


  • 307 messaggi
  • Iscritto il: 05-agosto 10

Inviato 25 settembre 2012 - 23:58

Daniele scusa cosa vuol dire legalmente residente in un paese estero? cioe' legalmente per chi? per il paese estero? che tipo di documenti mostrano che si e' italiano residente in un altro paese?

(se un italiano va a stare in un altro paese dovrebbe iscriversi Aire. Ci sono 4 mesi per farlo. il comune italiano dovrebbe farlo d'ufficio in 1 anno)



#17 Daniele

Daniele

    Corrispondente Moldweb da Bucarest


  • 684 messaggi
  • Iscritto il: 24-aprile 07

Inviato 26 settembre 2012 - 08:48

Daniele scusa cosa vuol dire legalmente residente in un paese estero? cioe' legalmente per chi? per il paese estero? che tipo di documenti mostrano che si e' italiano residente in un altro paese?

(se un italiano va a stare in un altro paese dovrebbe iscriversi Aire. Ci sono 4 mesi per farlo. il comune italiano dovrebbe farlo d'ufficio in 1 anno)

Per legalmente residente, intendo o il permesso di soggiorno (ove previsto) o la registrazione all'anagrafe che fanno i cittadini comunitari quando si stabiliscono in un altro paese della CE.
So che molti, si regolano solo così senza fare alcuna iscrizione all'Aire.
Volevo sapere in questi casi cosa dice la legge.

Grazie a tutti per le chiarificazioni.

#18 jerrydrake

jerrydrake

    Advanced Member


  • 9846 messaggi
  • Iscritto il: 22-agosto 05

Inviato 26 settembre 2012 - 10:40

Per legalmente residente, intendo o il permesso di soggiorno (ove previsto) o la registrazione all'anagrafe che fanno i cittadini comunitari quando si stabiliscono in un altro paese della CE.
So che molti, si regolano solo così senza fare alcuna iscrizione all'Aire.
Volevo sapere in questi casi cosa dice la legge.

Grazie a tutti per le chiarificazioni.


Daniele l' iscrizione all' Aire esiste per tutti i Paesi, Eu o non EU e conviene farla altrimenti si rischia di diventare apolide. Conviene a maggior ragione farla se si apre un attività all' estero e non si vuole avere l' obbligo della dichiarazione dei redditi in Italia (attenzione vale quanto scritto nell' altro topic: devi veramente non aver nulla a che fare lavorativamente con l' Italia)

http://forum.moldweb...va/page__st__40
Se non si è un delinquente ricercato dall' Interpol non c'è ragione per non farla, anzi è una garanzia

Messaggio modificato da jerrydrake il 26 settembre 2012 - 10:41


#19 Daniele

Daniele

    Corrispondente Moldweb da Bucarest


  • 684 messaggi
  • Iscritto il: 24-aprile 07

Inviato 26 settembre 2012 - 11:54

Daniele l' iscrizione all' Aire esiste per tutti i Paesi, Eu o non EU e conviene farla altrimenti si rischia di diventare apolide. Conviene a maggior ragione farla se si apre un attività all' estero e non si vuole avere l' obbligo della dichiarazione dei redditi in Italia (attenzione vale quanto scritto nell' altro topic: devi veramente non aver nulla a che fare lavorativamente con l' Italia)

http://forum.moldweb...va/page__st__40
Se non si è un delinquente ricercato dall' Interpol non c'è ragione per non farla, anzi è una garanzia

Grazie Jerry, fino a qui siamo d'accordo.
Molti, li ho sentiti dire che non si iscrivono all' Aire per non perdere il diritto alla sanità in Italia.
Per non dover affrontare la procedura di dover dichiarare che sono rientrati nel proprio paese, qualora dovessero aver bisogno di cure mediche.

Messaggio modificato da Daniele il 26 settembre 2012 - 11:54


#20 pierpa

pierpa

    Advanced Member


  • 307 messaggi
  • Iscritto il: 05-agosto 10

Inviato 26 settembre 2012 - 12:18

Spero di non portare ulteriore confusione.
ci sono paesi che "permettono" la residenza elettiva e altri no. Senza rinunciare alla cittadinanza, una volta stabiliti in un altro paese l'Aire e' un obbligo di legge perche altrimenti si e' irreperibili. il singolo ha 4 mesi di tempo per farla e comunque il comune dovrebbe farla d'ufficio entro un anno. l'ambasciata richiede (dipende dal paese) "prove" valide per registrarti , come contratto di lavoro, permesso di residenza, contratto di affitto. oppure in caso di matrimonio con cittadino del nuovo paese puo limitarsi al solo indirizzo e permesso di residenza anche senza prove di sostentamento. in italia bisogna comunicare alla Asl l'espatrio e si perde l'assistenza. se poi vendi tutto dovresti portarti i soldi fuori. se lasci il conto in italia dovresti trasformarlo in versione estera (cambia la tassazione applicata) e rifare le cartedi credito.
se non tagli completamente i ponti ci sono tante sottigliezze da mal di testa. per esempio mantieni il conto e hai un fondo comune non uniforme (la banca non fa da soggetto di imposta) potresti comunque dover fare la dichiarazione dei redditi cosi pure se da quel conto fai dei bonifici all'estero.
con questo non voglio dire che e' un incubo ma solo che la sola iscrizione Aire non e' una panaceae che in caso di controllo non tutti hanno gli avvocati dei personaggi famosi che non fanno testo. il mal di testa del comune cittadino e diverso. non so se serve scriverlo ma se ci si iscrive per esempio ad agosto, quell'anno fiscale e soggetto a dichiarazione.
si parla sempre di piu in questo forum di lasciare l'Italia, forse sarebbe utile mantenere un topic separato su argomento Aire e simili per noi italiani magari con apporto di qualche legale (ci sono tra i forumisti ?!)
ma quella domanda precedente su come funziona per una srl moldava per comprare/vendere prodotti fuori dalla Moldova non interessa nessuno? qualcuno che ci capisce e vuole commentare? Oppure e' una domanda senza senso?
ciao