Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto

Il moldavo errante


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
39 risposte a questa discussione

#21 badica

badica

    L'addetto stampa


  • 7633 messaggi
  • Iscritto il: 21-agosto 05

Inviato 11 giugno 2010 - 18:57

Dal sito del PLDM:

Iulian Fruntașu: „regimul liberalizat nu presupune accesul la piaţa de muncă în statele membre.”

Peste zile numărate, la Luxemburg, comisarul european pentru Extindere şi Politică de Vecinătate, Stefan Fule va lansa dialogul dintre Uniunea Europeană şi Republica Moldova privind liberalizarea regimului de vize. Când e posibil să se finalizeze acest dialog şi ce presupune, de fapt, la modul practic, pentru cetăţenii moldoveni un regim liberalizat de vize? Vom discuta pe această temă cu domnul Iulian Fruntaşu, consilier al prim-ministrului Vlad Filat.




Europa Liberă: Comunicatele oficiale, domnule Fruntaşu, vorbesc despre lansarea dialogului privind liberalizarea regimului de vize cu ţările Uniunii Europene. De fapt unde suntem exact cu aceste discuţii şi cât ar putea dura pentru a vedea şi moldoveni fericiţi? Din punctul de vedere al circulaţiei libere, bineînţeles…

Iulian Fruntaşu: „E un proces complex şi va dura ceva timp. Nu vreau să fac careva promisiuni, foarte şi foarte exacte, pentru că aşteptările sunt mari, înţeleg foarte bine. Este experienţa din Balcani, a Macedoniei de exemplu, care a făcut acest parcurs undeva într-un an şi jumătate de la lansarea oficială procesului de liberalizare a regimului de vize. Noi însă trebuie să recunoaştem că am demarat acţiuni chiar înainte de procesul de lansare a acestui regim care va avea loc la Brusseles. Trebuie să recunoaştem faptul că până la această dată, Republica Moldova a înregistrat mai multe evoluţii pe marginea chestiunii privind liberalizarea regimului de vize”.

Europa Liberă: „Asta ar însemna că suntem mai rapizi decât macedonienii, de exemplu?”

Iulian Fruntaşu: „Nu, vreau să vă spun că suntem mai rapizi în raport cu ucrainenii sau cu ruşii, care au început acest dialog câţiva ani în urmă, iar noi, prin eforturile pe care le depunem, încercăm să recuperăm acest decalaj şi trebuie de recunoscut că pe mai multe domenii am avansat şi suntem, zic eu, pe primele poziţii în raport cu ucrainenii sau ruşii. Avem un grup de lucru care funcţionează, care coordonează procesul de negocieri asupra liberalizării vizelor, care este condus de către ministrul de externe şi care a creat şi un plan şi coordonează toate activităţile naţionale în acest domeniu.”

Europa Liberă: Pentru a limpezi lucrurile - că merită uneori - ce trebuie să înţeleagă posesorul simplu de paşaport albastru moldovenesc că este un regim liberalizat de vize? Doar un buchet de beneficii sau şi anumite responsabilităţi, restricţii poate?

Iulian Fruntaşu: „Sunt şi activităţi pe care trebuie să le implementăm, care sunt şi în beneficiul Republicii Moldova, inclusiv al cetăţeanului simplu. Dacă e să vorbim, de exemplu, despre cerinţele pe care le avem, acestea sunt împărţite pe câteva domenii. Se referă la securitatea documentelor, la paşapoartele biometrice. Toată lumea va trebui să aplice pentru paşapoarte biometrice din 2011. Cetăţenii pot să-şi perfecteze acum astfel de paşapoarte, eu unul aşa am făcut. Alt domeniu este migraţia ilegală, readmisia, aici iarăşi avem mai multe angajamente care trebuie să le onorăm şi asupra cărora lucrăm. Al treilea domeniu este securitatea publică, ordinea publică şi relaţiile externe. Cetăţeanul Republicii Moldova, dacă mă tot întrebaţi, ar trebui să vadă cum acţionează Republica Moldova pe mai multe domenii, nu este atât de simplu să obţii acest regim liberalizat dacă nu implementezi un set de măsuri. Sunt mai multe acţiuni care ţin de responsabilităţile Republicii Moldova, referitoare şi la cadrul legal şi la cadrul logistic.”

Europa Liberă: Sunt sute de mii de cetăţeni ai Republicii Moldova care – după ce au ajuns cu chiu cu vai în UE - continuă să staţioneze acolo – mulţi dintre ei – ilegal în continuare… Dacă admitem un final fericit al dialogului referitor la acest regim liberalizat de vize, cum la modul practic, tehnic, vor putea să-şi asigure accesul la beneficiile acestui regim?

Iulian Fruntaşu: „Odată ce regimul respectiv va funcţiona presupun că vor căpăta un statut legal, deşi regimul liberalizat de vize nu presupune şederea permanentă în străinătate. Chiar dacă vor aplica şi vor obţine paşaport biometric la ambasadă, oricum, regimul liberalizat nu presupune accesul la piaţa de muncă în statele membre.”

Europa Liberă: Deci un detaliu foarte important, acest regim nu presupune şi dreptul de a munci?

Iulian Fruntaşu: „Evident, deja depinde şi de autorităţile noastre dacă vor fi în stare să elaboreze şi să semneze acordul privind migraţia circulară şi va admite o cotă anumită pentru un an, într-o ţară sau alta.”

Europa Liberă: Ar avea posibilitatea benefică de a circula liber prin Europa şi o altă faţă a medaliei? Adică ar putea exista şi efecte mai puţin îmbucurătoare ale aplicării acestui drept pentru cetăţeni la care ar trebui să facă faţă administraţia ţării?

Iulian Fruntaşu: „Mai multe acţiuni pe care le desfăşurăm la momentul de faţă înseamnă muncă, investiţii, tot felul de echipamente care sunt acum procurate, tot felul de sisteme informaţionale automatizate, sisteme integrate de managment între serviciul de grăniceri şi cei de la externe - o groază de lucru care solicită efort. Până la urmă, e în beneficiul Republicii Moldova faptul că încercăm să asigurăm securitatea ţării.”

Europa Liberă: Este pregătită administraţia ţării de aceste probleme, exigenţe?

Iulian Fruntaşu: „Nimeni nu ne dă nimic pentru ochi frumoşi, adică dacă nu sunt îndeplinite câteva criterii foarte clare. Vor fi misiuni de evaluare pe chestiuni tehnice, nu putem trişa aici. Va fi un cotrol riguros pe toate domeniilor şi odată ce vom fi ok, vom fi acceptaţi.”

Europa Liberă: Cât de greşită este impresia – sâcâitoare deseori – că în ceea ce priveşte modul de a ne prezenta în exterior lucrurile merg – cel puţin acum - excelent, iar acasă, în ceea ce ţine de reformă lucrurile – cum obişnuiesc să spună ruşii – sunt ca întotdeauna?

Iulian Fruntaşu: „Nu ştiu ce să vă spun, impresiile pot fi diferite. Însă vreau să precizez că perioada martie-mai 2010, 16 puncte de trecere a frontierei au obţinut accesul la baza de date a Interpolului în ceea ce priveşte paşapoartele furate sau pierdute. Acest criteriu, care nu este semnificativ pentru foarte multă lume, este un punct pe agendă care trebuia îndeplinit şi a fost. Până la finele anului toate punctele de trecere a frontierei ar trebui să fie conectate la această bază de date. Sunt multe acţiuni tehnice care trebuie bifate, dar în spatele acestui efort sunt oameni care muncesc”.

Europa Liberă: Există acum un sprijin fără precedent al UE în general faţă de aspiraţiile unei Republici Moldova în proces de reformare de a intra în familia comunitară şi un pas important în acest sens este regimul liberalizat de vize. Vorbim de o unanimitate în acest sens printre ţările UE sau există şi Moldova-sceptici, ca să spune aşa?

Iulian Fruntaşu: „Păi, întotdeauna vor fi şi sceptici, şi optimişti. Bineînţeles că există state care poate nu au nimic împotriva Republicii Moldova ca atare, dar care sunt eurosceptici vizavi de următorul val de extindere sau de apropiere a altor state în raport cu UE. Bineînţeles că frica are ochi mare în cazul unor state, nu ştiu ce-şi închipuie, dar nu cred că moldovenii ar putea reprezenta un pericol deosebit pentru securitatea statelor membre.”

Europa Liberă: Cu optimismul revigorat, Vă mulţumim mult, domnule Fruntaşu.









#22 Giovanni Ricciardi

Giovanni Ricciardi

    Advanced Member


  • 691 messaggi
  • Iscritto il: 15-maggio 09

Inviato 11 giugno 2010 - 19:11

Rispondo a te e legghino anche gli altri..

Importante è che sei libero tu vero, Nikita?

Un pò come quando eri comunista in un Paese non comunista... ;)

Tu hai potuto avere le tue chance. Di viaggiare, di lavorare all' estero..i moldavi, invece, dovrebbero sempre vivere nel proprio recinto, vero?

salvo poi lamentarti e scandalizzarti se sposano vecchi bavusi italiani per poter essere liberi COME TE, COME ME, COME TUTTI!!!

E mi fermo qui...

Un solo errore: non era un comunista, lo è ancora. Ma abbiamo una speranza, sono sempre meno quelli che la pensano come Nikita, qualcuno dice che sono in via di estinzione. Condivido tutto quanto sostenuto da te Jerry, da Badica, Azzurro. Aggiungo ancora un altro modo di usare il visto, quello di incontrare i propri cari non più una volta all'anno ma ,quì in Italia, durante le ferie estive e perchè no anche a Natale o Pasqua. non è proprio un unire la famiglia ma sicuramente meglio che vedersi una volta all'anno. Far venire un fratello, una sorella o i propri genitori a "vedere il mare" , vi assicuro che tanti moldavi hanno visto il mare solo in TV. Sono tanti i Moldavi qui in Italia che hanno una casa per ospitare, insomma che hanno fatto la gavetta e che ora potrebbero fare quello che tutti noi facciamo e diamo per scontato.
In poche righe quello che è successo "nel mio giardino" per far venire il figlio allora sedicenne.
anni 2006-2007 dedicati a fare documenti, notti trascorse in viaggio e giornate passate alla ambasciata di Bucarest. Per andare a Bucarest, viaggi a Odessa per il visto, per entrare i Romania. Abusi, spese e sopprusi che non occorre elencare perchè li conosciamo tutti, per noi anche il "sequestro" immotivato o meglio motivato con la frase "è così" dalla funzionaria di Bucarest, della delega alla sorella di Raisa quindi un secondo viaggio a Roma per riavere la delega. Aggiungo due telefonate all'ambasciata dall'Italia per un importo di 52 Euro. Finalmente in Italia, ed il sospirato permesso di soggiorno con scadenza a.... tre mesi. Tre mesi significa ricominciare a presentare documenti da subito. Come è andata a Finire? dopo un anno di frequenza scolastica, promozione a pieni voti, e voluto tornare a studiare in Moldavia dove si "studia veramente". Si pensava di farlo venire da noi in Italia durante la vacanze e invece no tutto finito, se non si è presenti in Italia continuamente niente rinnovo del permesso di soggiorno, poi è diventato maggiorenne e.... alleluia.
Per una mamma, rimasta vedova quando il figlio aveva due anni, cosa significa liberalizzare il visto? Alzare il telefono e dire "organizziamo il viaggio" ma questo non è consentito ai Moldavi vero Nikita?

#23 Azzurro

Azzurro

    Member


  • 1463 messaggi
  • Iscritto il: 30-giugno 08

Inviato 11 giugno 2010 - 23:52

Un solo errore: non era un comunista,
lo è ancora. Ma abbiamo una speranza,
sono sempre meno quelli che la pensano come Nikita, qualcuno
dice che sono in via di estinzione.


Che desolazione vedere trionfare il pensiero unico dei consumatori.


Per una mamma, rimasta vedova quando il figlio aveva due anni, cosa
significa liberalizzare il visto? Alzare il telefono e dire "organizziamo
il viaggio" ma questo non è consentito ai Moldavi vero Nikita?

Se fino a ora i governi moldavi hanno cercato in tutti i modi
d'impedire la fuga dei moldavi dal loro territorio, un motivo
dovrà pur esserci?

#24 nikita

nikita

    Advanced Member


  • 6673 messaggi
  • Iscritto il: 16-agosto 05

Inviato 12 giugno 2010 - 04:30

Alzare il telefono e dire "organizziamo il viaggio" ma questo non è consentito ai Moldavi vero Nikita?


Credo di scrivere in un italiano abbastanza comprensibile, passi per Jerry che vede comunisti in tutti i suoi incubi notturni e questo non gli permette di riposare bene la notte e quidi di giorno combatte contro i suoi fantasmi, ma gli altri...
Dove ho mai scritto che la liberalizzazione dei visti non è una cosa buona per i moldavi migranti.
Il mio discorso era molto più ampio e non si fermava certo all'ottenimento o meno dei visti per far visita ai parenti all'estero o a poter tornare in patria come e quando si vuole.
Ho cercato di spiegare che l'ottenimento dei visti svuoterà di fatto il paese ancora di più e aggraverà ancora di più la già la precaria situazione sociale del paese.
Mi spingevo a spiegare, sempre in un italiano abbastanza comprensibile, che i governanti, DI QUALSIASI COLORE, DOVREBBERO PENSARE A RISOLVERE LE CAUSE CHE SPINGONO I MOLDAVI AD EMIGRARE E NON A FARE DEMAGOGIA SPICCIOLA PER REPERIRE CONSENSI ELETTORALI CON ANNUNCI ROBOANTI.
Cerco di essere ancora più chiaro: i governanti moldavi dovrebbero mettere in atto una serie di provvedimenti legislativi o di altro genere che permettano ai cittadini moldavi di trovare lavoro dignitoso in patria e non all'estero.
I politici moldavi dovrebbero curare la CAUSA della migrazione di massa e non gli EFFETTI.
E' come se uno ha la febbre a 40° e prende degli antipiretici per abbassare la temperatura e non cerca di combattere il virus che l'ha generata.
So che non è facile, so che ci vorrà del tempo, ma bisogna pur cominciare una buona volta!
Spero, almeno questa volta, di essere stato chiaro. Mi auguro di non stare sempre quì a smentire teorie bislacche che utenti prevenuti mi attribuiscono.
Questi signori utenti evidentemente sono di madre lingua italiana...ma di padre sconosciuto.

Messaggio modificato da nikita il 12 giugno 2010 - 04:33


#25 Paolo C.

Paolo C.

    Advanced Member


  • 1542 messaggi
  • Iscritto il: 13-agosto 05

Inviato 12 giugno 2010 - 09:20

Per avere ragazze che lavorano al Night, non c'è bisogno del Visto, basta che il datore
faccia richiesta di lavoro attraverso le quote, oppure attraverso la regolarizzazione.

Oppure succede che la ragazza si presenta il giorno dell'appuntamento in Prefettura
per stipulare il contratto di lavoro, ma invece che con il richiedente, poniamo la
signora che intendeva utilizzarla come colf, si presenta con il titolare del Nigth.

Il titolare le fa il contratto di lavoro, e lei ottiene il permesso di soggiorno.


Mah... non direi proprio caro Azzurro.. Un datore di lavoro che vuole assumere una ballerina o una segretaria qualsiasi non si va certo a imbarcare in questi meandri della burocrazia per assumere una moldava, gli conviene assumere una romena, una ceca o una bulgara; tanto per lui il costo è identico e risparmia tempo e fatica in pratiche infinite dall'esito incerto.

Ormai smettiamola di prenderci in giro, la formula del contratto di lavoro (finto) è usato solamente dal piccolissimo imprenditore del Nord Est (per fare un esempio) che chiede di poter assumere nella sua piccolissima ditta proprio QUELLA segretaria di origine moldava, forse perché in tutto il Triveneto non è riuscito a trovare una segretaria che possa essere idonea per smistare le quattro fatture della sua fabbrica. Se poi il Consolato o l'ufficio visti ci crede e se le beve tutte una dietro l'altra, allora diciamo che va bene così, altrimenti ci sarebbero da fare mille controlli.. e allora altro che falsi invalidi dove uno su due è appunto falso, se aprissimo il coperchio di questa pentola ne verrebbero fuori di tutti i colori.



Un giorno chiesi a un titolare di un grande Night qui di Roma cosa ne pensasse
di queste ragazze. Lui mi rispose che quasi tutte, dopo un po' che lavoravano
da lui, si fidanzavano con qualche cliente e si sposavano. Andavano a ruba insomma.

Per cui, alla fine, aveva una rotazione continua di queste ragazze, perchè
dopo poco che lavoravano, trovavano marito e se ne andavano.


Così avvalori la mia tesi che la liberalizzazione della circolazione farebbe felici soprattutto i clienti dei night, che io non giudico essere dei papponi o degli abituali clienti di prostitute, dico solo che li farebbero felici :)







#26 antonio168

antonio168

    Il padano comunista


  • 474 messaggi
  • Iscritto il: 02-maggio 08

Inviato 12 giugno 2010 - 09:33

Sono anni che vado a dire che le frontiere DEVONO ESSERE APERTE!!!

E' ora di finirla di parlare a vanvera, favorendo solo la MAFIA e i papponi, che sfruttano alla grande questa situazione, è come la storia della DROGA, liberalizziamola, e vedrete che le guerre finiranno subito e anche le fabbriche di armi chiuderebbero, ma gli interessi sono troppo GRANDI!!

Basta ipocrisia!!

Viva la libertà e speriamo che il popolo italiano si accorga di questa politica SOLO di interessi personali!!

Ciao Antonio el teron!!



#27 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 12 giugno 2010 - 09:48

Se fino a ora i governi moldavi hanno cercato in tutti i modi
d'impedire la fuga dei moldavi dal loro territorio, un motivo
dovrà pur esserci?


I governi Moldavi ?!?!?


E tu da dove l'hai estrapolatra questa conclusione ?


A fare di tutto perchè i moldavi non possano venire da noi

A CHIUDERE LE PORTE

non sono i governi moldavi

ma quella stessa EU bifronte

che ha il brutto vizio di predicare bene e razzolare sempre assai male ! ! !


Per conto loro

i governi moldavi non hanno mai posto uno
che sia un solo limite

al'emigrazione del loro popolo .


Tamt'è

che ancora oggi circa 1 milione di moldavi all'anno

lavora in Russia

Russia che è ancora e di gran lunga
il paese di maggior emigrazione in Europa .


Solo che ...... avendo la possibilità di andare e venire come e quando vogliono
in quanto cittadini dell'area CIS

è una emigrazione assai meno traumatica !


Certo , se si dovesse stare a sentire cerrti politici oggi al governo

pregni di odio anti russo , che della russofobia fanno una ragione di vita

la Moldova dovrebbe uscire dalla CSI !


MA questo è un altro discorso

appartiene al capitolo
" com'è che i moldavi riescono sempre a fare la cosa sbagliata ?"

Messaggio modificato da Rick il 12 giugno 2010 - 10:03


#28 Azzurro

Azzurro

    Member


  • 1463 messaggi
  • Iscritto il: 30-giugno 08

Inviato 12 giugno 2010 - 10:01

Mah... non direi proprio caro Azzurro.. Un datore di lavoro che vuole assumere una ballerina o una segretaria qualsiasi non si va certo a imbarcare in questi meandri della burocrazia per assumere una moldava, gli conviene assumere una romena, una ceca o una bulgara; tanto per lui il costo è identico e risparmia tempo e fatica in pratiche infinite dall'esito incerto.


Io sapevo che i gestori preferiscono le rumene perchè sono alte di statura


e fino al 2007 le rumene erano extracomunitarie.

Messaggio modificato da Azzurro il 12 giugno 2010 - 10:01


#29 pavel

pavel

    Advanced Member


  • 338 messaggi
  • Iscritto il: 02-settembre 05

Inviato 12 giugno 2010 - 12:51

[quote name='antonio168' date='12 June 2010 - 10:33' timestamp='1276331589' post='149755']
Sono anni che vado a dire che le frontiere DEVONO ESSERE APERTE!!!

E' ora di finirla di parlare a vanvera, favorendo solo la MAFIA e i papponi, che sfruttano alla grande questa situazione, è come la storia della DROGA, liberalizziamola, e vedrete che le guerre finiranno subito e anche le fabbriche di armi chiuderebbero, ma gli interessi sono troppo GRANDI!!

Basta ipocrisia!!


Quanti anni hai, 10? ragioni tale tale come il mio nipotino.
sia quanti miei amici si sono rovinati con la droga..
La droga è molto peggio di quanto pensiamo.

#30 antonio168

antonio168

    Il padano comunista


  • 474 messaggi
  • Iscritto il: 02-maggio 08

Inviato 12 giugno 2010 - 12:57

.... Tu caro, non sai che come è la legge oggi è solo riservata a chi commercia e spaccia!!

Se non ci fosse questa legge, CREDO che sarebbe solo meglio!!

Fidati, io vivo nel campo del sociale e Tu forse sarai un bambinello con il SOLITO fumo davanti agli occhi!!

Ciao ANTONIO TERON!!



#31 nikita

nikita

    Advanced Member


  • 6673 messaggi
  • Iscritto il: 16-agosto 05

Inviato 13 giugno 2010 - 05:16

Ma abbiamo una speranza, sono sempre meno quelli che la pensano come Nikita, qualcuno dice che sono in via di estinzione.


Quando nel mondo non ci saranno più quelli che pongono al primo posto la solidarietà, la tolleranza, la giustizia sociale, sarà un mondo invivibile.
Prega il tuo dio che ciò non accada!

#32 ok1957

ok1957

    Advanced Member


  • 185 messaggi
  • Iscritto il: 29-aprile 10

Inviato 13 giugno 2010 - 05:52

Un solo errore: non era un comunista, lo è ancora. Ma abbiamo una speranza, sono sempre meno quelli che la pensano come Nikita, qualcuno dice che sono in via di estinzione.




Non condivido mai ...Ogni persona e libera a esprimersi...E se non pensa come me,noin significa che deve stare zitto...In Moldova e sostenuto il partito komunista non per che sono tanti kommunisti,ma per che gli genti cercano di trovare un oportunita ai attuali governanti-capaci solo di viaggiare in tutto il mondo con capello d'avanti,a chedere i soldi,ma incapaci di governare una piccola paese con quasi 4mln di abitanti.
Certo,che tutti genti devono avere lo stessa possibilita di viaggiare,di essere liberi a sceglere luogo di abitazione,devono aver uguale diritti,doveri etc...ma anche i governatori devono trovare la possibilita di mantenere acasa i braccia di lavoro.
Genti,che pensanoi come Nikita,sono genti competente,che conoscono la situazione.Per poter capire la situazione in Moldova bisogna vivere lain uguale condizione con altri...sicuro,che molti cambieranno l'imaginazione subito,capiranno chi sono PLDM.

#33 diego

diego

    Advanced Member


  • 478 messaggi
  • Iscritto il: 10-novembre 06

Inviato 13 giugno 2010 - 07:32

Ma insomma: la comunità europea ha proposto la libera circolazione anche per i cittadini bosniaci ed albanesi, forse che i moldavi dovrebbero essere figli di un dio minore?
Come diceva qualcuno più sopra si devono curare le cause della malattia non solo o non tanto gli effetti: la diaspora moldava è gia in atto da moltissimi anni e i moldavi sono ormai adulti e vaccinati.
C'è anche un flusso di ritorno, a partire da quelli che sono giunti del tutto impreparati nei paesi europei e non hanno potuto o saputo adattarsi e crearsi una situzione socio-lavorativa decente.

#34 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 13 giugno 2010 - 20:37

.... Tu caro, non sai che come è la legge oggi è solo riservata a chi commercia e spaccia!!

Se non ci fosse questa legge, CREDO che sarebbe solo meglio!!

Fidati, io vivo nel campo del sociale e Tu forse sarai un bambinello con il SOLITO fumo davanti agli occhi!!

Ciao ANTONIO TERON!!


Può essere ..... solo che

a ben guardare

l'anti proibizionismo risolve solo un dei problemi

lo spaccio

E che si fa con l'altro ? il consumo !


Penso sia + che ragionevole pensare che se la droga fosse legale

non si sa se il consumo aumenterebbe

ma è piu' che certo che non diminuirebbe ..... sarebbe senso sostenere un'ipotesi del genere Immagine Postata

#35 Alfredo Ferrari

Alfredo Ferrari

    Advanced Member


  • 5887 messaggi
  • Iscritto il: 27-agosto 05

Inviato 13 giugno 2010 - 21:30

Ma insomma: la comunità europea ha proposto la libera circolazione anche per i cittadini bosniaci ed albanesi, forse che i moldavi dovrebbero essere figli di un dio minore?


I governanti di Bosnia ed Albania sono cagnolini ammaestrati, quelli moldavi non ancora...

#36 Livi

Livi

    Advanced Member


  • 3079 messaggi
  • Iscritto il: 27-ottobre 05

Inviato 13 giugno 2010 - 23:00

Mah !



NON

CHE SI POSSANO FARE RICONGIUNGIMENTI DI FIGLI
SENZA LE SOLITE TRAVERSIE BUROCRATICHE ! ! !





Beh questo non è del tutto vero, perlomeno non lo è per i figli minorenni

questi, in quanto tali, non possono essere espulsi ...possono già oggi quindi , ottenere un permesso di soggiorno , frequentare le scuole, curarsi..etc

Certo le traversie burocratiche ci sono ma....una cosa è farle con i figli lontani

un'altra è farle con i propri figli in casa !!!

Quello che cambia in questo caso specifico... è che non ci sarà più l'assurda necessità di scegliere se..... aspettare i lumacosi tempi della burocrazia per ottenere un ricongiungimento regolare ( anni) .....o far affrontare ai propri figli il rischio di un viaggio da clandestini

La libertà di muoversi liberamente dovrebbe essere un diritto per tutti!

Ogni volta che questo diritto è stato concesso .....c'è sempre stato chi immaginava catastrofiche invasioni ....
che regolarmente però............ non si sono avverate !!!!!!!

Badica:

Purtroppo si arriva a sottovalutare l'intelligenza di popoli che sopportano con una sorta di rassegnazione la negazione di diritti fondamentali che altri popoli hanno invece conquistato

E' forse questo il motivo che porta erroneamente a credere che abbiano bisogno di consigli ???



#37 Azzurro

Azzurro

    Member


  • 1463 messaggi
  • Iscritto il: 30-giugno 08

Inviato 14 giugno 2010 - 00:12

Penso sia + che ragionevole pensare che se la droga fosse legale

Con santa Romana Chiesa al governo droga e prostituzione saranno
sempre considerati peccaminosi.

Meno che per loro.

#38 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 14 giugno 2010 - 11:06

Beh questo non è del tutto vero, perlomeno non lo è per i figli minorenni


Splendido !


Un perfetto post


per dare fiato alle trombe di chi vorrebbe mantenere il visto !



Spero proprio che non sia questo lo spirito

con cui i moldavi si stanno avvicinando

all’EU

perché altrimenti

non faranno altro che confermare i tanti pregiudizi

che aleggiano sulle loro teste !


PS:
l' assoluta impossibilità di espellere minori è + che altro un mito !

Esistono si delle …… restrizioni
ma a determinate condizioni e con determinate procedure
si espellono anche i minori

Messaggio modificato da Rick il 14 giugno 2010 - 11:08


#39 Livi

Livi

    Advanced Member


  • 3079 messaggi
  • Iscritto il: 27-ottobre 05

Inviato 15 giugno 2010 - 00:11

Splendido !


Un perfetto post


per dare fiato alle trombe di chi vorrebbe mantenere il visto !



Spero proprio che non sia questo lo spirito

con cui i moldavi si stanno avvicinando

all’EU

perché altrimenti

non faranno altro che confermare i tanti pregiudizi

che aleggiano sulle loro teste !


PS:
l' assoluta impossibilità di espellere minori è + che altro un mito !

Esistono si delle …… restrizioni
ma a determinate condizioni e con determinate procedure
si espellono anche i minori


Senti Rick, quando questo diritto è stato negato in passato in Svizzera e Germania ai nostri migranti si gridava allo SCANDALO e all'inciviltà di queste leggi e di conseguenza di questi Paesi ...ero una bambina svizzera...ma sono sempre stata concorde con chi criticava e si batteva per i diritti di quei bambini
oggi siamo noi a fare esattamente la stessa cosa...e non si grida più... anzi si approva ( oddio ..approva una certa fetta di popolo...a mio parere... la feccia del popolo italiano )

IL DIRITTO DI POTER VIVERE CON I PROPRI FIGLI è un diritto fondamentale
ogni persona civile dovrebbe condividere questo senza se... e senza ma...

Separare per 2 o anche 3 anni per pure stupide esigenze burocratiche un bambino dai genitori è una crudeltà per me intollerabile .
Già questi genitori hanno aspettato anni per avere un lavoro regolare perchè mai dovrebbero aspettare ancora ? Per ottenere un pds è già necessario dimostrare di avere un lavoro sicuro, l'alloggio e tutte le altre garanzie ...non c'è motivo quindi ..se non il solito ... CONVIENE ECONOMICAMENTE


Il suono delle " trombe" di quelli che vogliono mantenere gli altri in un recinto sinceramente non mi arriva
sarà che non si tratta di trombe ma di un inutile ragliare??? :fisch:
Inoltre spero tantissimo invece che sia una facilitazione che possa aiutare a svuotare gli orfanotrofi della MD togliendo anche una bella fetta di ragazzini in stato di semi abbandono dalle strade di Chisinau

PS
Il fatto di voler vicino a se i propri figli conferma inoltre un pregiudizio che aleggia sulla testa dei moldavi????????????????? Ma che cavolo vuol dire???
Un genitore con il problema di essere separato "legalmente" dai propri figli
si dovrebbe occupare in primis di cosa.........del risvolto politico-economico???
Comunque ti assicuro che non si espellono i figli di lavoratori con PdS anche se entrati illegalmente!!!!
Ne conosco parecchi che lo hanno fatto .....anche a Milano ...si sono rotti le palle di aspettare e aspettare ..un ricongiungimento che non arrivava mai .....
è bastato poi ... andare in Questura e denunciare la presenza e i bambini e sono stati iscritti sul PdS dei genitori.
Quindi ho semplicemente descitto una realtà..le fantasie le lascio a te che nei post sei più creativo!!!

#40 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 20 giugno 2010 - 19:41

Senti Rick, quando questo diritto è stato negato in passato


Il diritto non viene negato

viene solo correlato ad equivalenti doveri

IL DIRITTO DI POTER VIVERE CON I PROPRI FIGLI è un diritto fondamentale
ogni persona civile dovrebbe condividere questo senza se... e senza ma...

Diritti / doveri …. Ti niente nulla questa equazione ?

Poi
ognuno è liberissimo ,

fa un bel nulla osta e se ci sono le condizioni bene

altrimenti è LIBERO di tornare dai suoi figli .

Separare per 2 o anche 3 anni per pure stupide esigenze burocratiche un bambino dai genitori è una crudeltà per me intollerabile .


Da come parli sembra che siano stati deportati !

È o non è UNA LIBERA SCELTA quella di lasciare i propri figli ?

Già questi genitori hanno aspettato anni per avere un lavoro regolare perchè mai dovrebbero aspettare ancora ? Per ottenere un pds è già necessario dimostrare di avere un lavoro sicuro, l'alloggio e tutte le altre garanzie ...non c'è motivo quindi ..se non il solito ... CONVIENE ECONOMICAMENTE


Il punto è che quel che va bene per uno

non è detto che sia anche sufficiente per 2/3 .


Semplice no ? una casa di 25 mq non va bene per vivere in 3


Un reddito di 5.000 € non è suff. per una famiglia



Se ti sforzi lo capisci anche tu !

Comunque ti assicuro che non si espellono i figli di lavoratori con PdS anche se entrati illegalmente!!!!
Ne conosco parecchi che lo hanno fatto .....anche a Milano ...si sono rotti le palle di aspettare e aspettare ..un ricongiungimento che non arrivava mai .....
è bastato poi ... andare in Questura e denunciare la presenza e i bambini e sono stati iscritti sul PdS dei genitori.
Quindi ho semplicemente descitto una realtà..le fantasie le lascio a te che nei post sei più creativo!!!


Qui veniamo al punto ,
all’unico per cui ho perso tempo a risponderti .

Innanzi tutto
non corrisponde a buone regole di convivenza civica
il fare a modo proprio ed aggirare quelle norme che

guarda caso

si fanno via via sempre + rigide
tanto più sono i furbi che pensano di aggirarle .

MA questo non lo capirete mai .

In secondo luogo ,
forse tu non lo sai visto che affronti l’argomento solo di stomaco

ma la circostanza a cui ti riferisci è ben chiara e per gnente così .....

"anarchica" come tu pensi

Difatti
una volta che hai depositato la documentazione per la domanda del nulla osta

passati 180 giorni (prima erano 90)

puoi andare a prendere il figlio per cui hai richiesto il nulla osta

anche se questi non è ancora stato riconosciuto.

E’ il principio del silenzio assenso .


SOLO IN QUESTI CASI

POSSONO ANDARE A PRENDERE I PROPRI FIGLI

SENZA NULLA OSTA .


Ti pregherei di fare attenzione a quel che scrivi

nel rispetto della funzione di fonte di info

che Moldweb assolve egregiamente

salvo alcune stronzate

scritte da alcuni incompetenti .

Messaggio modificato da Rick il 20 giugno 2010 - 19:47