Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto

Ci basta poco per essere felici!


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
30 risposte a questa discussione

#21 nina

nina

    Advanced Member


  • 348 messaggi
  • Iscritto il: 14-giugno 07

Inviato 16 dicembre 2009 - 18:23

Sabato partiamo per la Moldova,

Buon viaggio Nikita!



Salve,sono Daniela,naz.moldava,sono nuova sul sito

Ciao Daniela, benvenuta e buona permanenza!

#22 nikita

nikita

    Advanced Member


  • 6673 messaggi
  • Iscritto il: 16-agosto 05

Inviato 16 dicembre 2009 - 18:25

Parlando di vecchi non si può non ricordare il tragico giorno del 1993. Un giorno che segnò per sempre la vita della gente moldava, i vecchi, ancora oggi, ne portano i segni.
Vorrei riproporre ciò che scrissi qualche anno fa a proposito di quel episodio. Credo sia ancora tragicamente attuale.

LA NOTTE CHE CAMBIO’ LA VITA DEI MOLDAVI



Un giorno che molti moldavi non dimenticheranno mai: 29 Novembre 1993.

Ancora oggi, a distanza di 15 anni, ripensando a quel tragico giorno, molti moldavi più in là con gli anni, versano lacrime amare. Una data difficile da dimenticare, una notte cambiò la loro vita, si ritrovarono senza un soldo, una vita di risparmi e sacrifici vanificata da una sciagurata decisione del governo di allora.

Fu la notte che ci fu il passaggio dal coupon al leu. Qualche mese prima c’era stato il passaggio dal rublo al coupon.

Questa fu la sciagurata equazione: 1000 coupon ( 1000 rubli ) = 1 leu

Ancor oggi a distanza di tanti anni, conversando con alcuni moldavi, persone anziane, inevitabilmente si torna a parlare di quel giorno: la notte tragica del 29 Novembre 1993!

Chi aveva depositato in banca o aveva in casa un piccolo risparmio di 1000, 2000 rubli, si ritrovò con 1, 2 lei.


Una miseria!.
Che tristezza vedere i volti di quei poveri vecchi rigati di lacrime, ancora oggi, parlando di quel giorno, non riescono a trattenere le lacrime per essere stati miseramente raggirati, per aver perso in una notte tutti i loro risparmi.

Tutti hanno una storia da raccontare legata a quel denaro, i loro progetti svaniti, della disperazione nell’apprendere il mattino dopo di non aver più un soldo.

Quella notte segnò una svolta drammatica per l’economia della Moldova, fu l’inizio della fine, tutti persero non solo il denaro ma anche la fiducia nella politica, nella gente, nel futuro, spalancò per molti il baratro della povertà.

Quel triste giorno segnò l’inizio della diaspora moldava, un esodo inarrestabile che ancora oggi, a distanza di 15 anni, ancora miete vittime, sancì il disfacimento di molti nuclei familiari, la deriva economica e sociale della Moldova.



#23 nina

nina

    Advanced Member


  • 348 messaggi
  • Iscritto il: 14-giugno 07

Inviato 16 dicembre 2009 - 18:35

Chi aveva depositato in banca o aveva in casa un piccolo risparmio di 1000, 2000 rubli, si ritrovò con 1, 2 lei.




È stata anche la realtà della mia famiglia…. Ci siamo addormentati benestanti (forse anche di più) e ci siamo svegliati talmente poveri che non ci potevamo permettere di comprare nemmeno il pane.



#24 Daniela Cristea

Daniela Cristea

    Newbie


  • 5 messaggi
  • Iscritto il: 13-dicembre 09

Inviato 16 dicembre 2009 - 20:27

Buon viaggio Nikita!




Ciao Daniela, benvenuta e buona permanenza!



Grazie mille!!!

#25 pallino

pallino

    Newbie


  • 1587 messaggi
  • Iscritto il: 10-agosto 07

Inviato 17 dicembre 2009 - 09:10

Parlando di vecchi non si può non ricordare il tragico giorno del 1993. Un giorno che segnò per sempre la vita della gente moldava, i vecchi, ancora oggi, ne portano i segni.
Vorrei riproporre ciò che scrissi qualche anno fa a proposito di quel episodio. Credo sia ancora tragicamente attuale.

LA NOTTE CHE CAMBIO’ LA VITA DEI MOLDAVI



Un giorno che molti moldavi non dimenticheranno mai: 29 Novembre 1993.

Ancora oggi, a distanza di 15 anni, ripensando a quel tragico giorno, molti moldavi più in là con gli anni, versano lacrime amare. Una data difficile da dimenticare, una notte cambiò la loro vita, si ritrovarono senza un soldo, una vita di risparmi e sacrifici vanificata da una sciagurata decisione del governo di allora.

Fu la notte che ci fu il passaggio dal coupon al leu. Qualche mese prima c’era stato il passaggio dal rublo al coupon.

Questa fu la sciagurata equazione: 1000 coupon ( 1000 rubli ) = 1 leu

Ancor oggi a distanza di tanti anni, conversando con alcuni moldavi, persone anziane, inevitabilmente si torna a parlare di quel giorno: la notte tragica del 29 Novembre 1993!

Chi aveva depositato in banca o aveva in casa un piccolo risparmio di 1000, 2000 rubli, si ritrovò con 1, 2 lei.


Una miseria!.
Che tristezza vedere i volti di quei poveri vecchi rigati di lacrime, ancora oggi, parlando di quel giorno, non riescono a trattenere le lacrime per essere stati miseramente raggirati, per aver perso in una notte tutti i loro risparmi.

Tutti hanno una storia da raccontare legata a quel denaro, i loro progetti svaniti, della disperazione nell’apprendere il mattino dopo di non aver più un soldo.

Quella notte segnò una svolta drammatica per l’economia della Moldova, fu l’inizio della fine, tutti persero non solo il denaro ma anche la fiducia nella politica, nella gente, nel futuro, spalancò per molti il baratro della povertà.

Quel triste giorno segnò l’inizio della diaspora moldava, un esodo inarrestabile che ancora oggi, a distanza di 15 anni, ancora miete vittime, sancì il disfacimento di molti nuclei familiari, la deriva economica e sociale della Moldova.



Questa situazione portò letteralmente in miseria moltissime famiglie. La mia compagna mi racconta sempre che i suoi familiari conducevano una vita da benestanti, lei in quel periodo studiava medicina a chisinau e non le mancava niente, dopo quella fatidica data i suoi genitori si sono trovati in casa con un mucchio di carta straccia, cifre che prima consentivano di fare sposare dignitosamente le figlie e nel giro di una notte si sono trovati letteralmente a terra.
Questi sono i ringraziamenti di una politica autoritaria che ha consentito ai gestori del potere di diventare miliardari portando via alla gente onesta e lavoratrice i risprmi di un avita.
I moldavi devono ringraziare il potere sovietico di ciò, dopo questo avvenimento sono diventati come gli ebrei erranti, espatriando in diverse parti del mondo.
Ma, non capirò mai come esistono ancora oggi in quella nazione i nostalgici.

PAllino

#26 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 17 dicembre 2009 - 12:16

I moldavi devono ringraziare il potere sovietico di ciò,


Pallino .....oh pallino .......

Immagine Postata

Nel 1993 la Moldova era GIA' indipendente ,
pensa te che lo era DA NIENTE MENO CHE 2 ANNI !

Pensa poi che era di fatto indipendente già dal 1989
tant'è che nel 1990 aveva gia il suo bel presidente filorumeno
il suo bel parlamento filorumeno
ed un bel governo fatto da presuntuosi inesperti ed arraffoni
sempre filorumeni .

Se poi aggiungi
che l'Unione Sovietica si è dissolta nel 1991
e che nel 1993 il partito comunista neanche esisteva in Moldova

direi che le tue considerazioni sono quanto mai ..... superficiali

suvvia , può bastare superficiali , non infieriamo :roflmao:

Ma, non capirò mai come esistono ancora oggi in quella nazione i nostalgici.




Il PIL del 2009 della MD è lo stesso PIL della MD del 1969 ! ! !


Messaggio modificato da Rick il 17 dicembre 2009 - 12:48


#27 pallino

pallino

    Newbie


  • 1587 messaggi
  • Iscritto il: 10-agosto 07

Inviato 17 dicembre 2009 - 14:00

Pallino .....oh pallino .......

Immagine Postata

Nel 1993 la Moldova era GIA' indipendente ,
pensa te che lo era DA NIENTE MENO CHE 2 ANNI !

Pensa poi che era di fatto indipendente già dal 1989
tant'è che nel 1990 aveva gia il suo bel presidente filorumeno
il suo bel parlamento filorumeno
ed un bel governo fatto da presuntuosi inesperti ed arraffoni
sempre filorumeni .

Se poi aggiungi
che l'Unione Sovietica si è dissolta nel 1991
e che nel 1993 il partito comunista neanche esisteva in Moldova

direi che le tue considerazioni sono quanto mai ..... superficiali

suvvia , può bastare superficiali , non infieriamo Immagine Postata




Il PIL del 2009 della MD è lo stesso PIL della MD del 1969 ! ! !



Io non parlavo della data dell'indipendenza della Moldavia (anche se non sono Moldavo un pochino di storia la conosco), amico Rick , ma delle conseguenze che quella tipologia di operazione ha generato, non solo di tipo economico ma in particolare quelle di tipo sociale . Le conseguenze sono ancora oggi sotto gli occhi di tutti e tu stesso le hai raccontate quando parli del governo filorumeno e degli arraffoni che hanno preso il potere in quel periodo.
Il fatto che la MD ha ancora oggi ha un PIL del 1969 la dice tutta e fa capire che tipo di scelte sono state fatte in tutti questi anni .
Come vedi le mie considerazioni erano solo di carattere generale, probabilmente hai interpretato cose che non ho detto.

PAllino

#28 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 17 dicembre 2009 - 14:04

Sissi , va bene :berlusconi:

#29 pallino

pallino

    Newbie


  • 1587 messaggi
  • Iscritto il: 10-agosto 07

Inviato 17 dicembre 2009 - 16:02

Sissi , va bene Immagine Postata



Sei veramente bravo a utilzzare i pupazzetti, sei forte.


Ciao e auguri mon ami

PAllino

#30 Livi

Livi

    Advanced Member


  • 3079 messaggi
  • Iscritto il: 27-ottobre 05

Inviato 20 dicembre 2009 - 23:34

Heilà, sarà un piacere avervi con noi a Chisinau!
Se arrivate prima del 31 organizzeremo qualcosa sicuramente. La comunità italiana non vi lascerà sicuramente soli al freddo e al gelo! Immagine Postata
Dai, ci divertiremo sicuramente!



Ciao Nikitone

ti telefonerò quando arriveremo....."SE" arriveremo!!!
Saremo veramente felici di rivedervi e di passare con voi un'allerga serata!!!
Il capodanno lo trascorreremo in famiglia...
( o per strada a seconda delle condizioni atmosferiche Immagine Postata )
comunque prima o poi arriveremo
...intanto inizia a studiare la parte
ho scelto i quattro "cignotti" Boys version Immagine Postata
i quttro solisti sarete tu Vit e Alfredito il quarto sarà una sorpresa Immagine Postata Immagine Postata
Io e Valentina staremo spaparanzate sul divano e ci godremo lo spettacolo "armate" di pomodori
per ogni errore................!!!! Immagine Postata

[url="http://www.youtube.com/watch?v=MfKdC6SYcnM"]http://www.youtube.c...h?v=MfKdC6SYcnM[/url]


AUGURI BUON NATALE A TUTTI GLI AMICI DEL FORUM

#31 biancarod

biancarod

    Newbie


  • 1 messaggi
  • Iscritto il: 26-gennaio 12

Inviato 27 gennaio 2012 - 22:05

che invidia!!! prima o poi verrò anch'io in Moldova


Ci basta poco per essere felici!
Sabato partiamo per la Moldova, ho visto che in questo momento sta nevicando, troveremo la neve, come ogni anno.
Ritroveremo i nostri parenti, i suoceri, gli amici moldavi, gli amici italiani.
Ci basta poco per essere felici!
Le spaghettate serali, gli amici più cari, i russi che credono di mangiare i "macaroni" ed invece sono lasagne.
Ci basta poco per essere felici!
Le passeggiate sulla neve, il freddo pungente, le modeste luminarie, i bambini che giocano con le "sanie", camminare con il terrore di scivolare, la neve ghiacciata che scrocchia sotto i piedi.
Rifugiarsi in un bar per bere un thè, osservare dalla vetrata la neve che scende silenziosa e la gente che corre indaffarata e intabarrata per fare gli ultimi acquisti.
Ci basta poco per essere felici!
Mettersi al mattino le mutande lunghe di lana ed uscire nel freddo polare per riscaldarsi poi, al rientro, con un con bicchierino di sambuca, sentire come non mai il calore piacevole e rassicurante della tua casa.
Guardare sgomenti al mattino presto il termometro fuori dalla finestra che segna -10, mentre il sugo cuoce e "riscalda" tutta la casa.
Ci basta poco per essere felici!
Sì, basta poco a me e Valentina per essere felici!