Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto

Tar Lazio, Sez. III Ter, sentenza n. 2911/2015 del 5.02.2015 in materia di visto d'ingresso


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
1 risposta a questa discussione

#1 Avv. Francesco Boschetti

Avv. Francesco Boschetti

    Newbie


  • 2 messaggi
  • Iscritto il: 04-luglio 13

Inviato 12 aprile 2015 - 11:51

Buongiorno, voglio segnalarvi una delle ultimissime pronunce del Tar Lazio in materia di diniego del visto d'ingresso turistico. Vi trascrivo il mio commento alla sentenza, augurandomi di essere utile a tutti coloro che intendono fare ingresso in Italia e si trovano a dover fronteggiare il rischio di un diniego, che visto l'orientamento restrittivo attuale delle ambasciate italiane, è sempre più fondato e va prevenuto.

I miei saluti a tutti

 

 

da http://www.avvocatoi.../articoli-flash

 

Un’anziana cittadina delle Filippine ha impugnato il provvedimento di rifiuto del visto turistico, emesso nei suoi confronti dall’Ambasciata d’Italia a Manila. Il diniego del visto si è fondato sulle consuete motivazioni che le ambasciate italiane, sempre più spesso, adottano in modo strumentale e arbitrario: 1) le giustificazioni dello scopo e delle condizioni del soggiorno non risultano attendibili (motivazione, peraltro, a cui l’amministrazione ha rinunciato nel corso del giudizio, riconoscendone implicitamente l’infondatezza); 2) non è stata dimostrata con certezza l’intenzione, da parte della richiedente, di lasciare il territorio italiano prima della scadenza del visto. Il "rischio migratorio”, nel caso di specie, è stato desunto dalle seguenti circostanze: che l’interessata avesse sul proprio conto corrente delle somme di entità esigua, che fosse vedova e madre di otto figli (di cui cinque in Italia, uno in USA, uno marittimo ed un altro impiegato nelle Filippine), e infine, che la stessa non avesse mai viaggiato e fosse in età avanzata (76 anni).

A ricorrere al giudice amministrativo, oltre all’istante, è stato il datore di lavoro della di lei figlia, il quale ha argomentato di aver invitato la richiedente il visto - appunto madre della propria collaboratrice domestica - al fine di evitare che fosse quest’ultima a raggiungere l’altra nelle Filippine, così da doversi assentare dal luogo di lavoro.

Nel corso del giudizio, parte ricorrente ha depositato copia del passaporto dell’istante, dimostrando che la stessa aveva già fruito di altri visti, e pertanto si era recata in altre occasioni fuori dal proprio Paese. Inoltre - fattore che si rivelerà decisivo - l’istante ha prodotto documentazione attestante la proprietà di terreni, più la comproprietà della casa di abitazione e delle pertinenze.

Il Tar Lazio, richiamata la normativa di riferimento (precisamente: l’art. 5 del trattato di Schengen, ratificato dall'Italia con la legge n. 388/93, poi confermato dall'art. 5, comma 1, lettera c), Reg. CE n. 562/06; sul fronte nazionale, l'art. 4, comma 3, d. lgs. n. 286/98, l'art. 5, comma 6, D.P.R. n. 394/99; e ancora, il Codice Comunitario dei visti, istituito con il Reg. CE del 13.07.2009, n. 810/2009, la decisione della Commissione C(2010) 1620 del 19 marzo 2010 che istituisce il "Manuale per il trattamento delle domande di visto e la modifica dei visti già rilasciati", a sua volta modificato con la decisione di esecuzione C(2011) 5501 del 4 agosto 2011 della Commissione medesima, e infine il decreto del Ministero degli Affari Esteri del 11/05/2001, recante la definizione delle tipologie dei visti d'ingresso e dei requisiti per il loro ottenimento), ha ritenuto fondato il ricorso  sotto il profilo del difetto di istruttoria.

In primo luogo, il giudice amministrativo ha ritenuto un “indizio non significativo” il fatto che la ricorrente si fosse mostrata esitante di fronte alle domande a lei poste attraverso un interprete, al telefono, considerata la sua anziana età e la sua presumibile scarsa familiarità con le procedure in oggetto.

Premesso, inoltre, che le esigue liquidità presenti sul conto corrente dell’istante (circa 200 euro) dovevano comunque mettersi in relazione al costo della vita nelle Filippine, il Tar Lazio ha attribuito valore decisivo alla suddetta prova documentale circa la titolarità, da parte della ricorrente, di una casa di proprietà e di altri terreni, nonché alla prova, fornita dai visti d’ingresso presenti sul passaporto, che la stessa si era recata all’estero già in precedenti occasioni, seppure per pochi giorni.

Ad avviso del Collegio, pertanto, gli indizi su cui l’Ambasciata ha basato il giudizio di rischio migratorio devono essere letti secondo una diversa prospettiva, come l’età della ricorrente, la quale, piuttosto, lascerebbe intendere che ella non abbia alcuna volontà di trasferirsi in un paese lontano da quello di provenienza. Detti indizi, pertanto, sono stati ritenuti non significativi, frutto di un’istruttoria carente: vizio che ha giustificato l’annullamento del provvedimento di rigetto del visto turistico. 



#2 gianpi

gianpi

    Advanced Member


  • 219 messaggi
  • Iscritto il: 06-dicembre 10

Inviato 12 aprile 2015 - 22:29

un bel casino.....