Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto

Moldova, il paese meno visitato d'Europa

Moldova Turismo

Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
1 risposta a questa discussione

#1 CarloP

CarloP

    Rappresentante Moldweb a Chisinau


  • 3602 messaggi
  • Iscritto il: 23-dicembre 08

Inviato 02 agosto 2013 - 12:40

Moldova: embracing its status as Europe’s least-visited country

  • Leif Pettersen

  • Lonely Planet Author

2-lug-2013 12.41.07

 

Being declared Europe‘s least visited country, with some researcher thoughtfully providing the spirit-wilting data showing only 9000 international arrivals in 2011, would probably cause most countries to plop down in the middle of the room and scream about how life is so unfair. Moldova is doing the equivalent of wearing this information like a sandwich board.

 

allsaints_cs.jpg

White and blue All Saints Church of Chisinau / Dan Herrick / Lonely Planet Images / Getty Images.

 

Voted by Lonely Planet readers as the #2 off-the-beaten-path destination in the world (behind landslide winner Bhutan) in our 2013 Traveller’s Choice poll, Moldova has new-found tourism purpose. With help from USAID (www.usaid.gov) and CEED II (http://ceed.md/), Moldova’s already surprisingly cooperative tourism sector has begun ringing bells and waving flags, telling the world how its unpopularity is in fact one of its greatest assets, particularly for those who have become jaded by the beaten path.

Having served as Lonely Planet’s Moldova expert for seven years, I’m all too familiar with the unpolished, scrappy appeal of Moldova. Virtually no aspect of the country has been orchestrated for mass tourism or even practical convenience. Experiences here are earned, without being overly demanding. Want to see the breathtaking cave monastery perched above a winding valley at Orheiul Vechi? Get into an over-stuffed, abused minibus and bounce down busted up roads squashed in the back row between villagers returning from shopping in Chisinau. Looking for Soviet-loving, communist-era Moscow immersion in the breakaway republic of Transdniestr? Queue up at the infernal border crossing and sweat out the formalities like everybody else.

 

3945143714_b0cb2ea222_o1.jpg

Orhei Vechi, Moldova by Dave Proffer. CC BY 2.0.

 

This is not to say Moldovans will neglect and mistreat visitors. Quite the opposite. The lazy overuse of the ‘welcoming locals’ cliché criminally applied by travel writers to every other country on Earth (except Germany) is not an embellishment in this case. The minibus driver to Orheiul Vechi knows exactly why you’re in his vehicle and he’ll make sure you get to your destination. Other wearied Moldovans tap dancing for Transdniestr border officials will intervene on your behalf if problems arise, providing translating services if necessary to make sure you’re granted an entry pass.

Caught in the geographical and cultural embrace of Romania and Ukraine, landlocked and mostly flat, Moldova’s natural attractions are notably absent on postcards, but the region’s enviable climate and soil have long been host to one of the country’s chief products and exports: wine grapes.

Moldova’s wine industry, once feverishly producing and shipping their exquisite product to all the thirsty corners of the former USSR, took a hard hit after the break-up. It’s taken two decades for Moldova’s legacy wine producers – namely Cricova (www.cricova.md), Purcari (www.purcari.md) and Milestii Mici (www.milestii-mici.md) – to recover. Just as the old-timers were approaching something resembling peak production, Russia slapped them down with (allegedly) politically motivated temporary bans of Moldovan wine in 2006 and 2010. That sting turned out to be a blessing, forcing producers to blaze new markets in Western Europe and Asia, including the newly aspirant wine appreciators in China.

 

193874852_fb633d8d00_o.jpg

Sunflower field, Moldova by Guttorm Flatabø. CC BY 2.0.

 

However, the most encouraging wine news out of Moldova is without question the 2012 legalisation of small wine production. Prior to that, small producers were dependent on large, state-run producers to get their products on the market. Several small vintners that were already putting out award-winning vintages under the old system are now off the chain, sparking excited buzz in oenology circles.

Moldova’s Wine Festival (www.facebook.com/moldovawineday), held in the first week of October, is arguably the biggest event on the country’s calendar. However, between the old guard like Cricova, Chateau Vartely (http://vartely.md) and Purcari, whose ‘Negru de Purcari’ was a favourite of Queen Victoria’s, and the new hotness wineries like Et Cetera (http://etcetera.md), rewarding tastings and tours can now be staged year-round.

 

7688591452_656a2cbe1c_o.jpg

Chisinau, Moldova by Vlad Litvinov. CC BY 2.0.

 

Chisinau, the country’s capital, has also been busy reinventing itself. One of the leafiest capital cities in Europe, Chisinau’s eating and drinking scene is barely recognisable from when I first visited in 2006. The once dismal field of prohibitively expensive restaurants and nightclubs catering to thuggish guys and over-done women has opened up with all manner of reasonably priced, excellent restaurants and nightlife geared for people who are looking to have fun, rather than put on airs of self-importance and boredom.

As alluring as Chisinau’s nightlife has become, in a place as bucolic and steeped in tradition as Moldova, spending time in the villages is one of the country’s key experiences. Butuceni, sitting in the shadow of the monastery at Orheiul Vechi, has cultivated a strong agro-tourism experience, led by Agro Pensiunea Butuceni (www.pensiuneabutuceni.md), who offer a variety of rooms and can arrange meals, tours, cultural activities and performances.

 

bendery_cs.jpg

The train station at Bendery, the second city of the breakaway republic of Transdniestr / Amos Chapple / Lonely Planet Images / Getty Images.

 

For fans of Soviet kitsch with a pinch of the bizarre, a day-trip to the breakaway republic of Transdniestr and its capital-city-cum-living-museum Tiraspol, should thoroughly scramble the brain eggs. Tributes to Lenin, a shameless oligarchy, and a distinct sensation of time travel punctuates visits here. Though the region is still effectively in a frozen conflict with Moldova and the border was once an unabashed assembly line of bribe shakedowns, a visit here has become virtually trouble-free in recent years. Still, outright photography of the random profundity of sites deemed crucial to national security will quickly attract a tap on the shoulder by the ever-present Transdniestrian police force.

Leif Pettersen is a Lonely Planet author, freelance travel writer and polyglot. He’s visited 51 countries (so far) and can be found at @leifpettersen.

Eastern_Europe_Travel_Guide_Large.png


Messaggio modificato da CarloP il 02 agosto 2013 - 12:44


#2 CarloP

CarloP

    Rappresentante Moldweb a Chisinau


  • 3602 messaggi
  • Iscritto il: 23-dicembre 08

Inviato 31 agosto 2013 - 19:59

La traduzione ...

 

Moldova: i vantaggi della meno visitata in Europa

  • Leif Pettersen
  • Autore Lonely Planet
51fa7a78df547.jpeg

Tiraspol, sospesa nel tempo © Fotografia di Marco Lambruschi

 

Essere considerati il paese meno visitato d'Europa, mentre gli esperti mostrano con preoccupazione dati inquietanti che parlano di soli 9000 arrivi internazionali nel 2011, farebbe deprimere o gridare all'ingiustizia molte nazioni. La Moldova sta invece trasformando questa notizia in uno strumento di promozione.

Nel sondaggio Traveller's Choice condotto nel mondo da Lonely Planet nel 2013, il paese è arrivato secondo tra le destinazioni meno battute, preceduto di molte lunghezze dal Bhutan. Con l'aiuto di USAID e CEED II, l'ente del turismo nazionale ha iniziato a sbandierare la notizia per far capire al mondo che tanta impopolarità è, in fondo, un'arma vincente, soprattutto agli occhi di chi è stanco di vedere sempre i soliti posti.

Per sette anni sono stato l'esperto di Lonely Planet per la Moldova e conosco fin troppo bene il fascino ruvido e a volte nascosto del paese. Sembra che nulla sia stato fatto per ricevere il turismo di massa o per rendere questa destinazione più accogliente. In realtà qui è facile vivere nuove esperienze. Volete vedere un monastero scavato in una grotta che si affaccia a strapiombo sulla vallata di Orheiul Vechi? Salite su un minibus affollato e scassato, poi rimbalzate lungo stradine secondarie passando in mezzo a persone che tornano dallo shopping a Chisinau. Vi attrae un'immersione nella repubblica della Transnistria, perché amate l'atmosfera sovietica della Mosca comunista? Allora mettetevi in fila all'infernale posto di confine e sorbitevi tutte le formalità previste dal caso.

Questo non significa che i moldavi non rispettino e maltrattino i visitatori. Semmai è l'opposto. La formula "gente del posto accogliente", cliché usato dagli scrittori di viaggio in riferimento a ogni paese del mondo (a eccezione della Germania), in questo caso è più che meritata. Il conducente del minibus per Orheiul Vechi sa esattamente perché sei sul suo veicolo e farà di tutto per portarti a destinazione. Anche al confine con la Transnistria troverai qualcuno pronto ad aiutarti in caso di difficoltà e a darti una mano con la lingua per farti avere il pass di ingresso.

Stretta tra Romania e Ucraina, senza sbocco sul mare e prevalentemente pianeggiante, la Moldova non ha attrattive naturali da cartolina, ma il clima e il suolo del paese sono da sempre indicati per il principale prodotto da esportazione: l'uva da vino.

L'industria vinicola moldava, che un tempo serviva i quattro angoli dell'assetata URSS, ha subito un duro colpo dopo il crollo sovietico. I produttori hanno impiegato vent'anni a riprendersi - parliamo soprattutto delle etichette Cricova, Purcari e Milestii Mici. Proprio quando le cantine storiche stavano tornando al picco produttivo, tra il 2006 e il 2010 la Russia ha tentato il colpo di grazia vietando per ragioni "politiche" l'importazione del vino moldavo. La ferita si è rivelata una benedizione, perché ha spinto a cercare nuovi mercati in Europa occidentale e in Asia, arrivando fino ai neoestimatori cinesi.

La notizia più incoraggiante è del 2012, quando è stata legalizzata la produzione di vino in piccole quantità. Prima di allora, le piccole aziende dipendevano da enormi realtà statali. Le cantine di piccole dimensioni, già in passato vincitrici di premi e riconoscimenti, sono ora libere di raccogliere consensi nei migliori circoli enologici.

Il Festival del Vino Moldavo si svolge nella prima settimana di ottobre ed è forse l'evento principale del calendario nazionale. Comunque si possono fare tour di degustazione tutto l'anno, spaziando da cantine storiche come Cricova, Chateau Vartely e Purcari (il Negru de Purcari era molto apprezzato dalla Regina Vittoria) fino alla recente ma già affermata Et Cetera.

Anche la capitale Chisinau si è data un bel da fare per reinventarsi. La sua scena gastronomica è pressoché irriconoscibile dal tempo della mia prima visita nel 2006. La ristretta cerchia di ristoranti e nightclub proibitivi popolata da guitti e donne appassite ha ceduto il passo a locali dal prezzo ragionevole e con un'ottima cucina, e a nightclub per chi vuole divertirsi senza darsi troppe arie.

Se la nightlife di Chisinau è piena di fascino, in un paese bucolico e ricco di tradizione come la Moldova una delle esperienze clou è passare un po' di tempo nei paesini di campagna. Butuceni, vicino al monastero di Orheiul Vechi, coltiva una ricca cultura agroturistica, capitanata da Agro Pensiunea Butuceni, che ha una bella scelta di camere, cibo e attività culturali.

Per il fan del kitsch sovietico con una predilezione per il bizzarro, una gita in giornata alla vicina Repubblica di Transnistria e alla sua capitale-museo-vivente Tiraspol regalerà non poche emozioni. Tributi a Lenin, oligarchia spudorata e la sensazione di fare un viaggio nel tempo accompagnano il viaggio. Questa regione è ancora in "guerra fredda" con la Moldova - il confine è stato a lungo oggetto di contese e di ritorsioni -, ma negli ultimi anni la visita è diventata almeno in teoria priva di pericoli. Ancora oggi, però, se vorrai farti un quadro completo dei luoghi considerati, spesso per motivi imperscrutabili, cruciali per la sicurezza nazionale, ti procurerai ben presto un colpetto sulla spalla da parte dell'onnipresente polizia.


Messaggio modificato da CarloP il 31 agosto 2013 - 20:00