Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto
- - - - -

AIUTO OSPEDALE DI OCNITA


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
6 risposte a questa discussione

#1 CarloP

CarloP

    Rappresentante Moldweb a Chisinau


  • 3602 messaggi
  • Iscritto il: 23-dicembre 08

Inviato 20 ottobre 2011 - 18:25

Giro e-mail inviatami per sensibilizzare ed in qualche modo promuovere anche attraverso il forum qualche forma di "aiuto" o iniziativa che in qualche modo possa contribuire per questo piccolo ospedale.

Cari amici, ho tradotto questa lettera in italiano per solidarietà con il gruppo che lotta per l'esistenza di quest'ospedale e vi invito a sostenere l'iniziativa, allegando le foto dei lavori di riparazione avviati con le proprie forze del personale sanitario.

"Gentili signori,
Lancio questo apello a tutti voi con il tentativo di salvare l'ospedale "Psihonarcomed" di Frunza, la piccola località nordica del rione Ocnita di Moldova.
Questo ospedale accoglie ormai da anni 20 persone con gravi disturbi psichici, come schizzofrenia, alcoolismo, oligofrenia e altro ancora, ma la diagnosi non è l'unico problema di questi pazienti, il grosso disagio è che fuori dall'ospedale loro vivono nell'emarginazione.
Essendo un'ente pubblica, l'iter del ricovero ospedaliero prevede un'accoglienza massima di 3 mesi, ma poi loro devono essere dimmessi.
Oviamente, appena escono dall'ospedale questi pazienti si trovano abbandonati sui marciapiedi.
Essendo ridotti all'esistenza di cui sopra, prima,o poi vengono raccolti in stati deplorevoli dalle ambulanze e riportati all'ospedale da dove già sono stati dimessi più volte e di nuovo vengono ricoverati per altri tre mesi, ma con dei nuovi problemi di malattie correlati al vagabondaggio, malattie infettive, pediculosi, oppure addiritura tornano parzialmente assiderati durante l'inverno,in condizioni di -15, o -20°.
L'ospedale è pubblico, ma lo stato non ne vuole assumersi le dovute responsabilità, motivando con la mancanza di fondi.
Ovviamente in situazioni di questo genere, l'ospedale era sottoposto a pressioni di chiusura, ma nessuno decideva la sorte di questi 20 pazienti disgraziati, piuttosto nessuno si preoccupava di noi pochi collaboratori, che ormai da 18 anni lottiamo per la sua esistenza a tutti i costi.
Abbiamo dovuto affrontare in certe circostanze persino i funerali dei pazienti che morivano e di cui nessuno si interessava.
Per salvare quest'ospedale, per conservare i nostri pochi posti di lavoro, abbiamo deciso di creare un'associazione di volontariato e provvedere da soli alla raccolta di fondi per trovare una soluzione autonomamente pur di non essere chiusi.
Dal momento che siamo diventati un'associazione di volontariato, le autorità rionali hanno deciso che l'ospedale non verrà chiuso e ha persino promesso modestamente di sostenerci nella reparazione della sede.
Oviamente l'aiuto offerto è misero, ma noi siamo contenti che non ci chiudono.
La nostra missione adesso è la raccolta dei fondi per effetuare la reparazione delle stanze e della cucina per poter affrontare i geli invernali.
Adesso, abbiamo bisogno urgentemente di 20 coperte calde perché già che l'ambiente si scalda poco, almeno durante la notte una coperta pesante salva il paziente.
Ma l'aiuto, apparte in denaro, può essere di vario genere: federe e lenzuola, traverse, pannoloni, farmaci, soluzioni antipedicolosi, detersivi, shampoo, sapone,qualche lavatrice usata, ma funzionante,macchina a gas, sempre funzionante, macchina da cuccire per poter rammendare le cose vecchie.
Prodotti alimentari, vestiti usati, ma puliti.
Ogni piccolo gesto di solidarietà, ogni minimo contributo sarà un'enorme passo nel superare l'inverno e migliorare lo stato attuale dell'ospedale e la vita dei pazienti. Restiamo fiduciosi in attesa dei vostri graditi contatti per condividere questo difficile percorso.
I nostri contatti:
00373 271 61 2 19, oppure il cell. 00373 69 57 12 23,
la nostra e-mail: "asolidaritate@yahoo.com ".
AO Solidaritate ha aperto presso la Banca de Economii BECOMD2X634, il conto corrente nr.2224834498159.
Presidente Asociazione - Godorogea Natalia.
Fondatori: Godorogea Natalia - infermiera, Frumusache Ala - infermiera, Vahnovan Tatiana - infermiera, Burlaca Nelia - infermiera e Seinic Iurii - medico/neurologo.
Colgo l'occasione per salutarvi a nome di tutti.
In fede N.Godorogea.
Da:
Angela Ceban (angelaceban@yahoo.it)

Messaggio modificato da CarloP il 20 ottobre 2011 - 21:09


#2 CarloP

CarloP

    Rappresentante Moldweb a Chisinau


  • 3602 messaggi
  • Iscritto il: 23-dicembre 08

Inviato 20 ottobre 2011 - 18:48

Alcune foto per documentare. Non serve nemmeno il commento !!!.

Allega File

  • Allega File  1.JPG   628,83K   17 Numero di downloads
  • Allega File  2.JPG   423,39K   22 Numero di downloads
  • Allega File  3.JPG   624,43K   21 Numero di downloads
  • Allega File  4.JPG   557,49K   19 Numero di downloads
  • Allega File  5.JPG   560,95K   18 Numero di downloads
  • Allega File  6.JPG   429,45K   21 Numero di downloads
  • Allega File  7.jpg   56,56K   22 Numero di downloads
  • Allega File  9.JPG   493,87K   26 Numero di downloads
  • Allega File  8.jpg   46,51K   27 Numero di downloads
  • Allega File  10.JPG   549,86K   20 Numero di downloads


#3 nikita

nikita

    Advanced Member


  • 6673 messaggi
  • Iscritto il: 16-agosto 05

Inviato 21 ottobre 2011 - 03:58

Questa è la situazione nel 90% dei piccoli ospedali provinciali moldavi.
Hai fatto bene a pubblicare le fotografie: nel migliore dei casi sono lagher in cui la gente va a morire.
Che fare?
Si può fare ben poco. Il problema è talmente grande che può essere risolto solo con aiuti straordinari di stati o Associazioni milionarie, il singolo non può fare niente.

#4 CarloP

CarloP

    Rappresentante Moldweb a Chisinau


  • 3602 messaggi
  • Iscritto il: 23-dicembre 08

Inviato 21 ottobre 2011 - 11:56

Sto informando altre associazioni per vedere se esiste
qualche possibilità concreta e cosa si può fare.
La cosa non è di semplice risoluzione, ma almeno ci si prova.

#5 wimpzie

wimpzie

    Newbie


  • 9 messaggi
  • Iscritto il: 05-gennaio 12

Inviato 09 gennaio 2012 - 15:35

io che sono dalla moldavia nn me l'avrei mai immaginata cosi !

#6 ARAPAN

ARAPAN

    Advanced Member


  • 144 messaggi
  • Iscritto il: 16-febbraio 09

Inviato 11 gennaio 2012 - 14:36


Cari amici, ho tradotto questa lettera in italiano per solidarietà con il gruppo che lotta per l'esistenza di quest'ospedale e vi invito a sostenere l'iniziativa, allegando le foto dei lavori di riparazione avviati con le proprie forze del personale sanitario.


E posibil sa avem varianta scrisorii in limba romana ?
ca sa o publicam pe site-ul moldinit.com.
Multumim anticipat

http://moldinit.com/...iuto/8-1-0-2427

#7 marcus1979

marcus1979

    Member


  • 11 messaggi
  • Iscritto il: 20-dicembre 11

Inviato 30 gennaio 2012 - 20:51

mi spiace per la realta' di questo ospedale.........ma sono sicuro che a breve costruiranno qualcosa di molto innovativo a chisinau.....