Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto

Autocertificazione


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
1 risposta a questa discussione

#1 flores

flores

    Advanced Member


  • 964 messaggi
  • Iscritto il: 08-aprile 08

Inviato 07 gennaio 2010 - 14:52

Roma – 7 gennaio 2010 -


L’autocertificazione consente di presentare dichiarazioni in sostituzione di certificati.

È uno strumento molto usato. Le amministrazioni pubbliche, o i gestori di servizi pubblici, o le aziende che hanno in concessione servizi come trasporti, erogazione di energia, servizio postale, gestione delle reti telefoniche o anche le società private, possono chiedere al cittadino di autocertificare alcuni stati o fatti a lui appartenenti.

Inoltre il testo unico sulla documentazione amministrativa, il DPR 445/2000, stabilisce che le amministrazioni e i gestori di servizi pubblici non possono più chiedere i certificati ai cittadini in tutti quei casi in cui si può effettuare l’autocertificazione, pena la violazione dei doveri d’ufficio, le amministrazioni devono per quindi non solo chiedere l’autocertificazione per snellire la burocrazia ma devono accettare l’autocertificazione per non gravare sul cittadino.


Le tipologie di autocertificazione sono di due tipi: DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONE e DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI ATTO DI NOTORIETA'.

Le DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI CERTIFICAZIONE sono i documenti sottoscritti dall'interessato, prodotti in sostituzione dei certificati rilasciati dalle amministrazione pubbliche che contengono informazioni su qualità personali e fatti contenuti in albi, elenchi o registri pubblici o comunque accertati da soggetti titolari di funzioni pubbliche. Sono redatte e sottoscritte dall'interessato, il quale le presenta con allegata la fotocopia di un proprio documento di identità.
Le DICHIARAZIONI SOSTITUTIVE DI ATTO DI NOTORIETA' sono tutti i documenti, sottoscritti dall'interessato, concernenti stati, qualità personali e fatti, che siano a diretta conoscenza di questi. Sono sottoscritte dall'interessato alla presenza del dipendente addetto al ricevimento.

Entrambe le dichiarazioni sostitutive devono contenere il richiamo alle sanzioni penali, per le ipotesi di falsità in atti e per i casi di dichiarazioni mendaci; e l’informativa in materia di privacy.

Anche i cittadini di paesi extracomunitari in possesso di regolare permesso di soggiorno possono effettuare l’autocertificazione limitatamente ai dati attestabili dalle pubbliche amministrazioni italiane.

Questo vuol dire in pratica che puoi autocertificare tutte le notizie contenute nei registri della pubblica amministrazione italiana, puoi sostituire i certificati originali con l’autocertificazione o la dichiarazione sostitutiva di atto notorio, puoi autocertificare ad esempio il tuo matrimonio, se è stato celebrato qui in Italia, oppure dichiarare il possesso di un diploma se lo hai conseguito presso una scuola italiana, oppure la tua residenza, in pratica tutto quello che può essere controllato poi dalle autorità italiane. Non puoi invece autocertificare il possesso di un titolo di studio se è stato conseguito nel tuo paese di origine, oppure la tua nascita o il certificato di matrimonio se è stato celebrato all’estero.

Naturalmente ogni cittadino è responsabile per quello che dichiara con l’autocertificazione, le amministrazioni possono effettuare dei controlli a campione su quanto dichiarato per verificare la verità e in caso di falsa dichiarazione, ti ricordo, che si viene denunciati all’autorità giudiziaria ed è prevista anche una condanna penale.



#2 liliana07

liliana07

    Advanced Member


  • 3656 messaggi
  • Iscritto il: 08-dicembre 07

Inviato 07 gennaio 2010 - 15:17






Anche i cittadini di paesi extracomunitari in possesso di regolare permesso di soggiorno possono effettuare l’autocertificazione limitatamente ai dati attestabili dalle pubbliche amministrazioni italiane.







e da mò che é cosi....

Messaggio modificato da liliana07 il 07 gennaio 2010 - 15:19