Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto
- - - - -

Noi posturi de control pe Nistru; „Tiraspolul are un curs distructiv”


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
4 risposte a questa discussione

#1 badica

badica

    L'addetto stampa


  • 7636 messaggi
  • Iscritto il: 21-agosto 05

Inviato 08 novembre 2013 - 14:22

Destabilizări în zona de securitate. Autorităţile de la Tiraspol ai instalat două posturi noi de control. Unul se află în apropierea oraşului Dubăsari, iar al doilea - lângă satul Slobozia.

Informația a fost anunțată de către delegaţia moldovenească în Comisia Unificată de Control, care îşi exprimă profunda îngrijorare în legătură cu destabilizarea situaţiei din Zona de Securitate, după ce autoritățile de la Tiraspol au decis instalarea unilaterală a posturilor fără acordul Comisiei Unificate de Control. 

Totodată, în cadrul unei ședințe a Comisiei, care a avut loc ieri, delegația moldovenească şi-a exprimat „profunda îngrijorare faţă de practica distorsionării faptelor, utilizării terminologiei incorecte şi operarea cu date dubioase de către partea transnistreană”.

„În cazul menţinerii cursului distructiv al părţii transnistrene, responsabilitatea faţă de consecinţele înrăutăţirii situaţiei în Zona de Securitate va aparţine exclusiv delegaţiei transnistrene. Astfel de acţiuni unilaterale duc la creşterea tensiunii în regiune, precum şi la subminarea mecanismelor de menţinere a păcii”, se spune în declarația CUC.

În situația creată, delegaţia RM reiterează că este nevoie de instituirea unei misiuni internaţionale de monitorizare şi inspectare în Zona de Securitate.

1%281%29.jpg

  • pgi_138391545362.jpg
  • pgi_138391543757.jpg
  • pgi_138391542411.jpg
  • pgi_138391541518.jpg
  • pgi_138391540494.jpg
  • pgi_138391539465.jpg
  • pgi_138391538506.jpg
  • pgi_138391537575.jpg
  • pgi_138391535595.jpg

http://www.jurnal.md...ructiv-1159116/



#2 giobruno

giobruno

    Il Prof


  • 1451 messaggi
  • Iscritto il: 03-febbraio 10

Inviato 09 novembre 2013 - 00:52

questi due altri posti di controllo  affermano una sempre più ferma volontà separatista della Transnistria.

 

Mi domando perchè continuano gli incontri inconcludenti nel formato 5+2 per la questione Transnistria, come l'ultimo di ottobre a Bruxelles che non ha visto nessuna svolta o l'ennesimo fiasco nei negoziati.

 

A quante altre riunioni sterili dovremo assistere per renderci conto che l'attuale stato di cose è stato congelato?

 

A questo punto a chi sta  a cuore la soluzione del problema?



#3 Rick

Rick

    Advanced Member


  • 17668 messaggi
  • Iscritto il: 25-agosto 05

Inviato 09 novembre 2013 - 06:20

chiediamoci anche
se sia legittimo intrappolare un popolo di 500 mila anime
in un limbo infinito come questo
senza dare loro una via di uscita democratica e riconosciuta .

Lo si è fatto per separare Cechia e Slovacchia

Lo si è fatto per separare Serbia e Montenegro

Lo si è fatto per dare una parvenza di legittimità al kosovo

PERCHÉ NON SI LEGITTIMA UN BEL REFERENDUM ANCHE PER LA PMR ?

La risposta è semplice ,

perché il risultato sarebbe così scontato

da non essere affato gradita l'idea di un referendum

a coloro che tale risultato avversano

E così
un manipolo di nazioni
detentrici del diritto divino in realtà loro mai affidato

di decidere chi sia o meno degno di essere riconosciuto indipendente

continua a gestire questa illegittima facoltà

al di fuori dei più elementari principi umanitari e di democrazia

esclusivamente in base al propio tornaconto

ed alle proprie visioni geopolitiche .

Se non è questo
un vero e propio crimine contro l'umanità !

Se alle guerre
si vuole sostituire il dialogo

tale dialogo deve essere finalizzato a conclusioni pratiche

le sole realmente capaci
di sostituirsi alle conclusioni raggiungibili con soluzioni armate

e giammai al lento protrarsi nel tempo dello status quo

finalizzato alla vana speranza
che il corso degli eventi
prenda una piega a se favorevole

salvo poi pretendere di ignorare
quegli stessi eventi
a se sfavorevoli

Messaggio modificato da Rick il 09 novembre 2013 - 10:13


#4 VincentHanna

VincentHanna

    Advanced Member


  • 1410 messaggi
  • Iscritto il: 24-novembre 10

Inviato 09 novembre 2013 - 08:00

A questo punto a chi sta  a cuore la soluzione del problema?

 

alla Russia, proteggere gli interessi dei suoi cittadini ;)

 

e lo stanno facendo 



#5 giobruno

giobruno

    Il Prof


  • 1451 messaggi
  • Iscritto il: 03-febbraio 10

Inviato 09 novembre 2013 - 21:02

alla Russia, proteggere gli interessi dei suoi cittadini ;)

 

e lo stanno facendo 

 

che la PMR interessi sempre più alla Russia lo si avverte ogni giorno che passa;

 

che un territorio di neppure 4000 chilometri quadrati  e di mezzo milione di abitanti sia sospeso senza prospettive da 23 anni in un 'limbo' come Rick sostiene, è sotto gli occhi di tutti;

 

che la popolazione di questo lembo di terra viva questa situazione ormai rassegnata e senza grossi traumi,  affermando, quando interrogata, che non sa neppure cosa e come 'pensa' il proprio presidente;

 

che questa stessa popolazione abbia imparato a fare a meno della politica ma che in un referendum voterebbe compatta guardando ad est;

 

che i dnistriani giunti a questo punto non accetterebbero nessuna soluzione condivisa,  se non quella dell'indipendenza o dell'annessione a Mosca;

 

che gli stessi abitanti dell'altra sponda del Nistro non credano piu' anch'essi a soluzioni di compromesso;

 

...................

 

questi aspetti e molti altri che ho omesso, sono oggi condivisibili da tutti noi e rendono la controversia insanabile perchè di fronte abbiamo un problema con un numero di incognite superiore al numero delle equazioni (= il problema non ammette soluzioni).....e perchè ormai nessuno dei due contendenti  (e  la Russia stessa) si dichiarano non disponibili a far sconti e a compiere il minimo passo all'indietro.

 

Il clima politico, come del resto quello ambientale, si sta raffreddando, nel senso che i rapporti anche nell'imminenza dell'inverno rischiano di congelarsi, sigillando di fatto lo status quo.....e con il rischio di entrare in una piccola era glaciale aspettando un improbabile periodo di scioglimento dei ghiacci.