Salta al contenuto


Moldweb
Moldova Community Italia utilizza cookies. Leggi le Regole privacy per maggiori informazioni. Per rimuovere questo messaggio clicca sul pulsante qui di fianco:    Accetto l'uso dei cookies
  • Login con Facebook Login con Twitter Log In with Google      Login   
  • Registrati


  •  


Benvenuto su Moldweb

Immagine Postata Benvenuto su Moldweb. Come puoi vedere, da semplice visitatore del forum non ti è permesso interagire attivamente con la community, di sentirti parte di questo meraviglioso posto, per questo ti invitiamo a registrarti! Registrati subito o fai il login. Immagine Postata
Se poi hai un account Immagine Postata, Immagine Postata, Immagine Postatao Immagine Postata è ancora più facile! Senza registrarti, fai direttamente il login con le tue credenziali Google, Facebook, Twitter o OpenId. Ti aspettiamo online con noi, tu cosa aspetti? Immagine Postata
Guest Message by DevFuse
 

Foto
- - - - -

79 sezioni di voto all'estero


Discussione archiviata. Non è più possibile intervenire in questa discussione.
7 risposte a questa discussione

#1 badica

badica

    L'addetto stampa


  • 7633 messaggi
  • Iscritto il: 21-agosto 05

Inviato 19 luglio 2010 - 13:32

In vista del referendum del 5 settembre e delle elezioni parlamentari di novembre i cittadini moldavi residenti all'estero avranno la possibilità di esercitare il proprio diritto di voto in molte più sezioni rispetto alle precedenti tornate elettorali.

In aggiunta alle 34 sezioni presenti presso Ambasciate e Consolati vari, il Governo intende aggiungerne altre 45, molto probabilmente come qui sotto riportato:

Portugalia – 4

Italia – 20

Rusia – 6

Franta – 3

SUA – 6 (2 in Canada)

Grecia – 4

Germania – 4

Romania – 5

Marea Britanie – 4

Spania – 3 (Madrid, Barcelona, Valencia)

Cipru – 1

Fonte: Stireazilei


Messaggio modificato da badica il 19 luglio 2010 - 13:33


#2 Paolo C.

Paolo C.

    Advanced Member


  • 1542 messaggi
  • Iscritto il: 13-agosto 05

Inviato 19 luglio 2010 - 22:00

In aggiunta alle 34 sezioni presenti presso Ambasciate e Consolati vari, il Governo intende aggiungerne altre 45, molto probabilmente come qui sotto riportato:

Italia – 20


E scusa dove vorrebbero mettere queste 20 nuove sezioni elettorali in Italia?
Sarebbe la prima volta in cui un Paese europeo dovesse decidere di esercitare la terza opzione su come far votare i propri cittadini all'estero. La prima è ovviamente presso le proprie rappresentanze diplomatiche e consolari accreditate presso il Paese ospitante. La seconda è per posta (utilizzata come sappiamo in maniera disastrosa dall'Italia) e la terza è appunto ubicare le sezioni presso grandi luoghi privati aperti al pubblico che non rientrano nelle disponibilità delle sedi extraterritoriali, come ad esempio i palazzetti dello sport. La Moldova sarebbe uno dei primi casi in Europa.

Ad usare questa opzione sono soprattutto i Paesi sudamericani, la cui Costituzione e le leggi 'obbligano' i cittadini ad esercitare il loro diritto di voto, come ad esempio la Colombia o il Perù.
Ricordo proprio che una domenica c'era mezza tangenziale di Milano bloccata dal traffico perché tantissimi peruviani si stavano recando al palazzetto dello sport di Assago, tutto prenotato dall'Ambasciata per far svolgere le operazioni di voto.





#3 badica

badica

    L'addetto stampa


  • 7633 messaggi
  • Iscritto il: 21-agosto 05

Inviato 19 luglio 2010 - 22:14

E scusa dove vorrebbero mettere queste 20 nuove sezioni elettorali in Italia?
Sarebbe la prima volta in cui un Paese europeo dovesse decidere .....



Se non ricordo male Paolo non sarebbe la prima volta, poichè la Romania riuscì, in occasione delle elezioni parlamentari del novembre 2008 se non vado errato, a collocare sul territorio italiano 55 seggi elettorali dislocati in diverse città, una quindicina circa. I seggi, in quell'occasione, furono predisposti in centri culturali, locali comunali etc..A Napoli, per esempio, i romeni andarono a votare presso il Comando Centrale dei Vigili Urbani.

Allego la parte che interessa con i seggi in Italia:

Immagine Postata

Li riassumo: Roma, Ancona, Perugia, Napoli, Bologna, Padova, Mestre, Parma, Milano, Torino, Firenze, Trento, Verona, Trieste, Genova

Messaggio modificato da badica il 19 luglio 2010 - 22:31


#4 nikita

nikita

    Advanced Member


  • 6673 messaggi
  • Iscritto il: 16-agosto 05

Inviato 20 luglio 2010 - 04:48

Se non ricordo male Paolo non sarebbe la prima volta, poichè la Romania riuscì, in occasione delle elezioni parlamentari del novembre 2008 se non vado errato, a collocare sul territorio italiano 55 seggi elettorali dislocati in diverse città, una quindicina circa. I seggi, in quell'occasione, furono predisposti in centri culturali, locali comunali etc..A Napoli, per esempio, i romeni andarono a votare presso il Comando Centrale dei Vigili Urbani.

Allego la parte che interessa con i seggi in Italia:

Immagine Postata

Li riassumo: Roma, Ancona, Perugia, Napoli, Bologna, Padova, Mestre, Parma, Milano, Torino, Firenze, Trento, Verona, Trieste, Genova


Non è un mistero per nessuno che, al contrario del PCRM, il partito di Filat spera di avere molti consensi dai migranti moldavi.
A mio modesto parere sarebbe l'ennesimo paradosso moldavo visto che l'attuale governo sta facendo ben poco per loro, parlo di provvedimenti legislativi che li invogli a tornare in patria per aprire attività produttive.
Anche a Filat e compagnia sta bene che milioni di moldavi se ne stanno all'estero e mandano i "banuz" in patria!

Messaggio modificato da nikita il 20 luglio 2010 - 04:49


#5 badica

badica

    L'addetto stampa


  • 7633 messaggi
  • Iscritto il: 21-agosto 05

Inviato 23 luglio 2010 - 09:16

Din 26 iulie cetăţenii RM de peste hotare se pot înregistra pentru participarea la plebiscit

Cetăţenii Republicii Moldova care se află în străinătate şi doresc să voteze se pot înregistra prealabil, accesînd pagina web http://www.voteaza.md/ , informează BASA-press.

Procedura de înregistrare cuprinde două etape: acceptarea unui Acord prin care alegătorul va declara, pe propria răspundere, că datele pe care le indică sunt autentice şi completarea unui formular de înregistrare on-line. Acesta va conţine denumirea ţării şi localităţii, unde se doreşte înregistrarea prealabilă şi datele de identitate ale alegătorului.

Secretarul Comisiei Electorale Centrale, Iurie Ciocan a menţioant că datele indicate în formular vor fi confidenţiale, iar informaţiile referitoare la cetăţenii care s-au înregistrat vor fi prelucrate de persoana responsabilă desemnată în cadrul aparatului Comisiei Electorale Centrale.

Ciocan a precizat că cetăţenii urmează să depună o declaraţie prin care solicită să fie înscrişi în liste pentru o anumită secţie de votare stabilită de Guvern. Totodată, Iurie Ciocan a specificat că înregistrarea nu poartă un caracter obligatoriu şi cetăţenii care nu s-au înregistrat sunt în drept să se înscrie în ziua alegerilor pe o listă suplimentară. În calitate de măsură de control în actul de identitate al fiecărui cetăţean va fi aplicată o ştampilă de control cu înscrierea „Referendum 2010”.

Ciocan a spus că până în prezent Codul Electoral nu a prevăzut nici o procedură de preînregistrare. Aceasta poartă un caracter estimativ pentu a evalua numărul alegătorilor, care vor fi deserviţi. Astfel, urmează a fi apreciate capacităţile biroului şi numărul de bultenine de vot, care pot fi trimise în localitatea de peste hotare, unde va fi deschisă secţia de votare.

Preînregistrarea va fi accesibilă începând de luni, 26 iulie, cu 45 de zile până în ziua alegerilor şi se va finaliza cu 25 de zile mai devreme de ziua alegerilor.

Preşedintele CEC, Eugeniu Ştirbu a declarat pentru BASA – press că a primit marţi un demers semnat de premierul Vladimir Filat prin care se cere deschiderea suplimentară, în afara consulatelor diplomatice ale Moldovei peste hotare, încă a 45 de secţii de votare.

Ştirbu a menţionat că în demers nu se specifică adresa concretă şi sediul, unde urmează a fi deschise secţiile de votare. „Nu avem nimic în afară de ţara unde va fi desfăşurat referendumul şi localitatea, dar localul şi cine, unde şi cum nu avem nimic. Dar, aşteptăm ca aceste date să fie prezentate până la 4 august curent”, a subliniat preşedintele CEC. (Basa.md)

Messaggio modificato da badica il 23 luglio 2010 - 09:42


#6 badica

badica

    L'addetto stampa


  • 7633 messaggi
  • Iscritto il: 21-agosto 05

Inviato 27 luglio 2010 - 08:40

Cu scopul de a veni în sprijinul alegătorilor care doresc să obţină rapid informaţii pertinente referitoare la referendumul din 5 septembrie 2010, Comisia Electorală Centrală a deschis, azi, 27 iulie, „linia fierbinte” la care alegătorii pot afla răspunsuri la întrebările legate de procedurile de votare în cadrul referendumului republican constituţional din 5 septembrie 2010.
Pentru aceasta, cetăţenii aflaţi pe teritoriul R. Moldova vor apela gratuit 0800 08888 din orice localitate, iar cetăţenii aflaţi peste hotarele ţării vor apela +373 22 540488 (tarif obişnuit).
Reprezentanții CEC subliniază că la aceste numere de telefon nu pot fi depuse contestaţii sau făcute plîngeri.
UNIMEDIA menționeazî că serviciul „Linia fierbinte a Comisiei Electorale Centrale” va funcţiona în perioada 27 iulie 2010 – 4 septembrie 2010, de luni pînă vineri între orele 8.00 şi 17.00 cu pauză între orele 12.00 şi 13.00 (ora R.Moldova). (UNIMEDIA)


#7 Danza

Danza

    Mamma Moldweb


  • 4420 messaggi
  • Iscritto il: 03-ottobre 05

Inviato 27 luglio 2010 - 09:38


Allego la parte che interessa con i seggi in Italia:

Immagine Postata


sarebbe interessante sapere cosa c'è scritto su questo foglietto :hmm:

scusa Gianni, ma un'immagine più piccola non hai trovato? :lol3:

#8 badica

badica

    L'addetto stampa


  • 7633 messaggi
  • Iscritto il: 21-agosto 05

Inviato 27 luglio 2010 - 09:55

Chiedo scusa, per la parte che interessa l'Italia le città scelte sono le seguenti:

Roma, Ancona, Perugia, Napoli, Bologna, Padova, Mestre, Parma, Milano, Torino, Firenze, Trento, Verona, Trieste, Genova.

Immagine Postata